Problemi sessuali?

La sessualità è un aspetto determinante in quanto coinvolge la dimensione biologica, psicologica, comportamentale e culturale di una persona.
«Psicologia e sessualità sono strettamente legate: se da un lato alcune problematiche psichiche possono influire su una sessualità sana, dall’altro i disturbi della sessualità legati a un problema organico possono compromettere la salute psicologica di una persona».
(tratto dal sito https://www.unobravo.com/focus/sessualita)

In questi ultimi anni – complici i vari condizionamenti dettati da una vita stressante, competitiva e in continuo cambiamento – le relazioni sono diventate sempre più complesse, compresa la relazione con sé stessi.
Essendo la sessualità parte integra ed intima di un individuo è facile che di questi tempi possano emergere varie difficoltà relazioni e disturbi sessuali.

Volendo contestualizzare in modo più pratico, i possibili problemi di “identificazione mentale”(comunemente intesi come “psicologici”) legati alla sessualità possono nascere da:

– bassa autostima
– depressione
– disturbi d’ansia o paura di perdere il controllo
– traumi o abusi sessuali.

Ci sono poi fattori relazionali che possono causare problemi con la sessualità come:

– bassa autostima nella relazione, in amore
– crisi di coppia
– controllo emozionale
– ansia da prestazione sessuale
– vivere una relazione tossica
– mancanza di empatia, di complicità

Riconosci che stai vivendo uno o più di questi aspetti?
Se sì, come lo vivi?
Lo vivi come un problema o come un’opportunità?

Essendo la sessualità (Porta 59, Quarto della Dualità) e la mente (Porta 55, Quarto della Mente) tra di loro collegate (Polarità 59/55) è facile che le cause dei disturbi sessuali possano essere legati all’identificazione con la mente, per lo più intesa come relativa alla personalità (chi crediamo di essere), alle manifestazioni del nostro Non sé; che, per inciso, non implicano nessuna “colpa”, nessun “male” ma vanno semplicemente riconosciute come preziose occasioni per avvicinarci al nostro Sé.
Di fatto ogni “problema” altro non è che un’indicazione verso la possibile “soluzione”.

Plutone che rappresenta la nostra verità più profonda e trasformatrice, in questi anni è nella Porta 60 (Accettazione; Limitazione) e come messaggio evolutivo porta l’istruzione che le limitazioni non sono blocchi insormontabili da subire o evitare ma stimoli evolutivi di grande potenziamento da accogliere.
Sicché nel momento in cui cominciamo a vivere un “problema” non come una “sfiga” ma come una “sfida” evolutiva che sappiamo cogliere come una preziosa occasione per conoscerci meglio… già le cose cominciano a cambiare e la soluzione ad affiorare.
Soluzione che, per inteso, non è tanto in ciò che si aspetta la nostra mente identificata ma è già nel diverso (accogliente, amorevole) atteggiamento nei confronti di ciò che (ci) accade (che noi, la nostra anima, attira).
Un atteggiamento che non dipende da fattori esterni (nel caso dell’intimità: dalla relazione con l’altro o un problema fisico) ma da COME noi ci concediamo di vivere l’esperienza di vita.
Qualcosa di totalmente rivoluzionario che ci invita ad una completa riprogrammazione nel modo di concepire ed esperire le difficoltà: nel COME vivere.
Una riprogrammazione da attuare attraverso la – consapevole/”dolce” – pratica Strategia e Autorità.

Non disperiamoci se abbiamo dei “problemi” e non cerchiamo di evitarli o di nasconderli o di eliminarli, “curarli” a tutti i costi.
OSSERVIAMOLI e, dietro l’apparenza di fastidio e disagio, RICONOSCIAMONE IL SENSO, IL MESSAGGIO PROFONDO, L’ATTO D’AMORE INSITO… e questo già innesca il cambiamento necessario: non per la nostra mente identificata ma per il nostro Sé.
Perseverare in PAZIENZA e FIDUCIA sostiene questo naturale magico processo che ci direziona all’Armonia, all’Amore (in primis a noi stessi).

Non c’è da crederci. C’è da sperimentarlo.
Senza fretta, né pretesa. Fluendo nel rispetto dei propri – saggi – tempi evolutivi.
E, se siamo in difficoltà, è saggio chiedere un aiuto.
[Sapendo che il solo vero aiuto possibile è quello che ti riporta a te stesso].

 

 

Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Tant’è quel ben ch’io aspetto, che ogni pena m’è diletto.

Una frase di San Francesco ripresa da Alessandro Conte di Cagliostro così come ci narra Salvatore Brizzi nel suo libro Il Bambino e il Mago. 5) Tant’è quel ben ch’io aspetto, che ogni pena m’è diletto. [quinta delle sette frasi magiche di Cagliostro] Dobbiamo abituarci a paragonare le sofferenze che proviamo quotidianamente ai dolori del […]

LEGGI TUTTO

Esattamente così.

C’era una volta un uomo che era innamorato di una donna. L’uomo si presentò alla donna e disse: “Io sono questo”. La donna lo guardò e rispose: “Questo non è abbastanza”. Allora l’uomo cercò di diventare altro e ascoltò tutte le richieste della donna e, anche se ogni volta era come strapparsi la pelle e […]

LEGGI TUTTO

Esserci

Bisogna lasciare gli altri ai loro processi di comprensione. Bisogna lasciare che facciano il loro personalissimo dolore. Bisogna permettere a ciascuno di attraversare il proprio fuoco, il ponte pericolante delle proprie scelte maldestre senza correre ai ripari ad ogni scricchiolio, come si permette a un bambino di cadere se vogliamo che impari a camminare: anche […]

LEGGI TUTTO

L’inferno dei viventi

“L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

17/19 Maggio - Padova
Corso di base di Human Design
in presenza e online