Il Potere dell’Empatia

Qui sotto un filmato breve ed efficace sulla differenza tra empatia e compatimento.

Può sembrare strano, ma nello stare vicino a qualcuno in difficoltà la cosa meno efficace che possiamo fare per aiutare questa persona è tentare di fargli vedere il bicchiere “mezzo pieno”.
Questo filmato ne spiega il perché. ✨👇🏼✨

La comunicazione nonviolenta (CNV), chiamata anche comunicazione empaticacomunicazione collaborativa o linguaggio giraffa, è un modello comunicativo basato sull’empatia.
È stata ideata nel 1960 dallo psicologo statunitense Marshall Rosenberg, secondo il quale essa permette di evitare le frequenti incomprensioni che derivano da un comunicare approssimativo e di riuscire a creare contesti comunicativi win-win.
È un modello diffuso in tutto il mondo dal centro per la comunicazione nonviolenta (The Center for Nonviolent Communication, CNVC).

La comunicazione nonviolenta si basa sull’idea che tutti gli esseri umani siano capaci di compassione.
Qualora essi non riconoscano le strategie più efficaci per soddisfare i propri bisogni ricorrono alla violenza fisica o psicologica in modo automatico, per consuetudine culturale.

Qui sotto il libro “Le parole sono finestre [oppure muri]” di Marshall Rosenberg padre della CNV (Comunicazione NonViolenta) e a seguire alcune sue citazioni.

Le persone guariscono dal loro dolore quando hanno una connessione autentica con un altro essere umano.
Coltiviamo l'empatia prima di tutto nei confronti di noi stessi, così saremo pronti ad agire e a ricevere empatia dall'altro.
L'integrità della nostra vita può essere riottenuta solo se sostituiamo "devo" con "scelgo di"…
perché la vita si basa solamente ed unicamente sulle scelte che noi compiamo ogni giorno.
Il modo in cui scelgo di guardare ogni situazione influenzerà notevolmente il fatto che io abbia il potere di cambiarla o di peggiorare le cose.
Quando ci concentriamo a chiarire ciò che viene osservato, sentito e di cui si ha bisogno, piuttosto che fare diagnosi e giudicare, scopriamo la profondità della nostra compassione.
Usa le parole "mi sento perché io" per ricordarci che ciò che sentiamo non è a causa di ciò che l'altra persona ha fatto, ma a causa di una scelta che ho fatto.
Ogni critica, giudizio, diagnosi ed espressione di rabbia è la tragica espressione di un bisogno non soddisfatto.
Quando la nostra comunicazione sostiene il dare e il ricevere compassionevole, la felicità sostituisce la violenza e il dolore.
Il più pericoloso di tutti i comportamenti può consistere nel fare le cose "perché dobbiamo".
Se vogliamo essere compassionevoli dobbiamo essere consapevoli delle parole che usiamo.
Dobbiamo sia parlare che ascoltare dal cuore.
Non siamo mai arrabbiati a causa di ciò che gli altri dicono o fanno.
È il nostro pensiero che ci fa arrabbiare.
Se lodo o critico l'azione di qualcuno, implico che sono il suo giudice, che sono impegnato a valutare loro o ciò che hanno fatto.
La violenza deriva dalla convinzione che altre persone causano il nostro dolore e quindi meritano una punizione.
Non mettere mai in dubbio la bellezza di ciò che stai dicendo perché qualcuno reagisce con dolore, giudizio, critica.
Significa solo che non vi hanno ascoltato.
Può essere più difficile entrare in empatia con coloro a cui siamo più vicini.
Empatizzare con il "no" di qualcuno ci protegge dal prenderlo sul personale.
La depressione è la ricompensa che otteniamo per essere "buoni".
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

La vita in sé è imprevedibile, non è controllabile.

“La società non ha bisogno di individui, ma di efficienza. Pertanto, più una persona diventa umana, meno diventa utile per la società… e più diventa pericolosa. L’intero schema della nostra civiltà, e in realtà di tutte le civiltà esistite al mondo, comporta la riduzione dell’essere umano a un automa. In questo caso è ubbidiente, efficiente, […]

LEGGI TUTTO

Energia e Aura

Il video qui sotto proposto è tratto dal La profezia di Celestino (The Celestine Prophecy) un film del 2006 diretto da Armand Mastroianni, basato sull’omonimo best seller di James Redfield. Nel video si mostra un possibile esempio di interazione aurica: invisibile, impercettibile… eppure esistente. In Human Design l’Aura (campo elettromagnetico che ci circonda) è il […]

LEGGI TUTTO

Uniti: autonomi e non automi

“Quando ti definisci Indiano, Musulmano, Cristiano o Europeo, o qualsiasi altra cosa, tu diventi violento. Ci arrivi da solo al perché? Perché ti stai separando dal resto dell’umanità. Quando ti definisci, in base ad un credo, una cultura, una nazionalità, una tradizione, quest’azione traspira violenza. Così un uomo che cerca di comprendere la violenza non […]

LEGGI TUTTO

CNV Comunicazione Nonviolenta 

CNV Comunicazione Nonviolenta  – di Marshall Rosenberg – Marshall Bertram Rosenberg (Canton, 6 ottobre 1934 – Albuquerque, 7 febbraio 2015) è stato uno psicologo statunitense. È l’ideatore della comunicazione nonviolenta o CNV o Linguaggio giraffa, un processo di comunicazione che aiuta le persone a scambiare le informazioni necessarie per risolvere i conflitti e le incomprensioni pacificamente. Egli è il fondatore ed ex direttore dei Servizi Educativi per il Centro per […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

22/25 agosto - in Maremma
LIVING YOUR DESIGN EXPERIENCE
esperienziale residenziale sui 4 Tipi