La malattia come equilibrio, la bellezza come cura

Leggendo Hillman si ha l’impressione che egli tratti la malattia come un rituale che ha lo scopo di ristabilire l’ordine universale, l’ordine primevo, riparando al danno generato dalle idee. Gli dei sono diventati malattie, ci insegna Hillman.
Nella cultura del potere l’uomo rifiuta di riconoscere le forze naturali.
Il re di Tebe nella Baccanti, nega a Dionisio il suo ruolo nell’Olimpo; il re di Creta, Minosse, rifiuta il sacrificio del toro bianco che Poseidone ha richiesto.
Dionisio e Poseidone sono le divinità di natura che l’uomo rifiuta di onorare a mezzo del sacrificio rituale.

La malattia viene ad essere l’eco di quel sacrificio che non è stato compiuto, essa ha lo scopo di ripristinare l’equilibrio fra corpo e mente, fra natura e ragione.
Non c’è, in verità, qualcosa da guarire, da cambiare, da migliorare, da analizzare semmai vi è un rito da celebrare in onore dell’anima.
L’anima è, come Persefone, regina dell’infero, il regno dell’invisibilità, degli avi, dei segni, della mancanza, del daimon, del doppio animale, dell’istinto, dell’ombra.
Un infero che è interiorità e profondità, ma che viene frainteso come inferiorità e malignità.

Hillman non vuole consegnare il materiale inconscio nelle mani della così detta consapevolezza dell’Io, piuttosto desidera portare l’Individuo a confrontarsi con ciò che egli ha preteso di poter dimenticare.

Non c’è, in verità, qualcosa da guarire, da cambiare, da migliorare, da analizzare semmai vi è un rito da celebrare in onore dell’anima.

[…]

Ma il grande cuore del pensiero di Hillman è l’amore per l’anima e per la sua magnificente creazione immaginale, che è Bellezza, al punto che la psicologia di Hillman è certamente definibile una eco-psicologia o una psicologia del profondo.
L’anima, evidenziandosi nella natura, non muove verso il bene – bene e male, salute e malattia, vero e falso, giusto e sbagliato sono concetti mentali prodotti dalla cultura del potere che ha bisogno di rendere la natura governabile, prevedibile, misurabile – l’anima muove verso il bello, che non è misurabile o classificabile.
Perciò Hillman radica la sua psicologia non nella scienza, bensì nell’estetica e nell’immaginazione.
Hillman propone le basi di un’esperienza estetica che è la grande alternativa all’esperienza terapeutica, la quale, se propagandata ad oltranza, finisce per divenire la sola via per affrontare mali, disagi e disturbi.

La terapia è la via anestetica che tenta di sedare il ruggito degli dei adirati che sono gli stessi organi. L’esperienza estetica esalta il grido degli organi-dei, fino a poterlo sentire e comprendere con l’immaginazione, ristabilendo con ciò, l’ordine primevo interrotto dalla disobbedienza alla divinità di natura.
Le immagini sono amore.
È l’amore, infatti, che dà origine all’epifania creativa delle immagini, le quali, proprio in quanto sono amore, amano svanire.’

Selene Calloni Williams – James Hillman, il cammino del ‘fare anima’ e dell’ecologia profonda.

L'anima non muove verso il bene...
l’anima muove verso il bello, che non è misurabile o classificabile.
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

La comunione con se stessi è la base di ogni Gioia

Il primo passo verso la beatitudine è essere un tutt’uno. E su questo che hanno sempre insistito tutti i mistici: essere un tutt’uno, essere integro è beatitudine, essere una moltitudine è un inferno. Pertanto, qualunque sia la realtà esperienziale accettala; non puoi fare nulla per negarla; negandola crei il problema, il problema si complicherà ancora […]

LEGGI TUTTO

Per cosa sei disposto a lottare?

“Essere ossessionati dalle emozioni e attribuire loro un’importanza eccessiva ci danneggia per il semplice fatto che queste non durano. Qualunque cosa ci faccia felici oggi non ci farà più felici domani, perché la nostra biologia ha sempre bisogno di qualcosa di aggiuntivo. Fissarsi sulla felicità porta inevitabilmente alla ricerca infinita di “qualcos’altro”. E nonostante il […]

LEGGI TUTTO

La Legge dello Specchio

[Tratto da un articolo di Salvatore Brizzi] La Legge dello Specchio recita: «La realtà è un nostro specchio». È il principio più difficile da accettare per chi porta avanti un lavoro su di sé, tuttavia risulta estremamente importante se vogliamo onestamente crescere. La Legge di Risonanza dice che ognuno di noi è un sistema vibratorio […]

LEGGI TUTTO

La parabola dei due lupi

La leggenda cherokee dei due lupi inizia con un vecchio indiano e suo nipote, seduti sul declivio di una collina a contemplare il tramonto. D’un tratto rompendo il silenzio il bambino volle fare una domanda all’anziano sapiente. “Nonno” disse, “perché gli uomini combattono?”. Il nonno, che era il capo della loro tribù, si prese un […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

17/19 Maggio - Padova
Corso di base di Human Design
in presenza e online