La natura del pensiero

Ciò che in genere chiamiamo “pensiero” è un processo di memoria.
È una proiezione costruita su ciò che già si conosce.
Tutto ciò che esiste, tutto ciò che è percepito, per la mente è una rappresentazione.
Il pensiero progressivo, il pensiero razionale o scientifico, comincia quindi identificandosi con una parte, una rappresentazione.
Tale pensiero parziale nasce dall’idea condizionata di essere entità indipendenti, “sé”, “persone”.
La nozione di essere un qualcuno condiziona ogni altro pensiero perché la persona può solo esistere nella ripetizione della rappresentazione.
Il cervello qui  tende alla rappresentazione costante. La memoria è l’originatrice dell’idea di essere un’entità continua.
In ultima analisi, il pensiero è una difesa contro la morte dell’ego.

Chi sei tu quando non pensi?
Quando distogli lo sguardo dell’attività del pensiero, dove sei?

In sostanza, il pensiero è una fuga dalla tua totalità, dove non c’è un individuo separato che pensa.

[…]

Nel considerarci entità separate, abbiamo dimenticato la nostra essenza e ci siamo identificati con un’idea, con una proiezione dell’individualità.
Non sono le infinite espressioni di silenzio a essere il problema o a causare complicazioni, ma il nostro oblio della fonte originaria di tutte le espressioni. Questa separazione della nostra vera natura ci porta un falso vivere. Non permettiamo all’espressione di dissolversi ma la cristallizziamo e poi ci identifichiamo con – o ci perdiamo – in essa.

Tramite questa oggettivazione, si è ciò che definiamo “il mondo”.
Confondiamo l’esistenza con la vita stessa.
Ma la vita non ha principio né fine.
Il vero vivere giocare, è gioia senza un oggetto.

– Jean Klein, Chi sono io? La ricerca più sacra –

Ciò che in genere chiamiamo "pensiero" è un processo di memoria.
È una proiezione costruita su ciò che già si conosce.
Il pensiero è una difesa contro la morte dell'ego.
Nel considerarci entità separate, abbiamo dimenticato la nostra essenza e ci siamo identificati con un'idea, con una proiezione dell'individualità.
Il vero vivere giocare, è gioia senza un oggetto. 
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

L’impotenza dell’elefante

L’elefante è così grande e grosso, sai perché non scappa dal circo? La storia dell’elefante incatenato di Jorge Bucay e concetto psicologico di convinzione limitante. “Mi piaceva molto il circo quando ero piccolo. Amavo gli spettacoli con gli animali, e l’animale che mi affascinava di più era l’elefante. Mi impressionavano le sue dimensioni e la […]

LEGGI TUTTO

Fai quel che vuoi, quel che senti di fare…

Se vuoi cantare – Cat Stevens/Yusuf Islam Beh, se vuoi cantare ad alta voce, fallo e se vuoi essere libero, puoi esserlo perché possono esserci un milione di cose sai che ci sono e se vuoi vivere in alto, fallo e se vuoi vivere in basso, fallo perché ci sono un milione di strade da […]

LEGGI TUTTO

Non è amore

Non è amore. Ma in che misura è mia colpa il non fare dei miei affetti Amore? Molta colpa, sia pure, se potrei d’una pazza purezza, d’una cieca pietà vivere giorno per giorno… Dare scandalo di mitezza. Ma la violenza in cui mi frastorno, dei sensi, dell’intelletto, da anni, era la sola strada. Intorno a […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

Non perderti il corso di base online di Human Design
27/28 APRILE e 18/19 MAGGIO 
qui tutte le informazioni