Per cosa sei disposto a lottare?

“Essere ossessionati dalle emozioni e attribuire loro un’importanza eccessiva ci danneggia per il semplice fatto che queste non durano.

Qualunque cosa ci faccia felici oggi non ci farà più felici domani, perché la nostra biologia ha sempre bisogno di qualcosa di aggiuntivo.

Fissarsi sulla felicità porta inevitabilmente alla ricerca infinita di “qualcos’altro”.

E nonostante il nostro sudore e la nostra fatica, finiamo per trovarci in una condizione inquietantemente simile a quella di partenza: d’inadeguatezza.

Gli psicologi si riferiscono talvolta a questo concetto con l’espressione “tapis roulant edonico”.

È una cosa difficile da mandare giù.

Ci piace l’idea che esista una forma di felicità definitiva che può essere raggiunta.

A tutti piace sentirsi bene. Tutti vogliono una vita felice, facile e priva di preoccupazioni.

Quello che determina il tuo successo non è: «Di cosa vuoi godere?».

La domanda rilevante è: «Quale dolore vuoi sopportare?».

La strada verso la felicità è piena di mucchi di m#rd@ e vergogna.

Devi scegliere qualcosa.

Non puoi avere una vita indolore.

La persona che sei si definisce in base a quello per cui sei disposto a lottare.

Non è l’ennesimo ammonimento del tipo “senza fatica non si ottiene nulla”.

È solo la componente più semplice e basilare della vita:

i nostri sforzi determinano il nostro successo.

I nostri problemi generano la nostra felicità, insieme ad altri problemi un pò migliori e un pò potenziati.

Se pensi che a un certo punto potrai smettere di arrampicarti, temo che ti sia sfuggito il senso del discorso.

Perché la gioia consiste proprio in quello.”

– Mark Manson, La sottile arte di fare quello che c***o ti pare –

La persona che sei si definisce in base a quello per cui sei disposto a lottare.
Se pensi che a un certo punto potrai smettere di arrampicarti, temo che ti sia sfuggito il senso del discorso.
Perché la gioia consiste proprio in quello.
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Il Potere di Adesso

“Focalizza l’attenzione sulla sensazione dentro di te. Riconosci che si tratta del corpo di dolore. Accetta la sua esistenza. Non pensarci, non lasciare che la sensazione diventi pensiero. Non giudicare e non analizzare. Non identificarti con esso. Resta presente e continua a essere l’osservatore di ciò che accade dentro di te. Diventa consapevole non solo del dolore emotivo, ma anche di “colui che osserva”, dell’osservatore silenzioso. Questo è il potere di Adesso, il potere della tua presenza consapevole”.   […]

LEGGI TUTTO

Evitate di criticare – la parola positiva

In generale, è meglio non concludere mai una conversazione con parole negative. Anche se si è costretti a fare delle osservazioni giustificate su qualcuno, si deve cercare di concludere la conversazione con parole positive nei riguardi di quella persona. In ogni creatura c’è immancabilmente qualcosa di buono, quindi, trovate in essa almeno una buona qualità […]

LEGGI TUTTO

Le legge del proprio desiderio

La vita è beata quando il desiderio è il nome più proprio del dovere. Quando “devo” fare ciò che desidero, quando il dovere non sospende il desiderio, ma lo realizza. Non c’è dovere contro desiderio. Se c’è dovere contro desiderio, la vita è malata. Se riusciamo a vivere seguendo questa nuova forma della legge, il […]

LEGGI TUTTO

Non devo aver paura

“Non devo aver paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l’annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, aprirò il mio occhio interiore e ne scruterò il percorso. Là dove andrà la paura non ci […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni


Dal 6 al 9 luglio c'è il Living Your Design EXPERIENCE
seminario esperienziale residenziale sul proprio Tipo.
Clicca qui per tutte le informazioni e il pdf della location.