Per cosa sei disposto a lottare?

“Essere ossessionati dalle emozioni e attribuire loro un’importanza eccessiva ci danneggia per il semplice fatto che queste non durano.

Qualunque cosa ci faccia felici oggi non ci farà più felici domani, perché la nostra biologia ha sempre bisogno di qualcosa di aggiuntivo.

Fissarsi sulla felicità porta inevitabilmente alla ricerca infinita di “qualcos’altro”.

E nonostante il nostro sudore e la nostra fatica, finiamo per trovarci in una condizione inquietantemente simile a quella di partenza: d’inadeguatezza.

Gli psicologi si riferiscono talvolta a questo concetto con l’espressione “tapis roulant edonico”.

È una cosa difficile da mandare giù.

Ci piace l’idea che esista una forma di felicità definitiva che può essere raggiunta.

A tutti piace sentirsi bene. Tutti vogliono una vita felice, facile e priva di preoccupazioni.

Quello che determina il tuo successo non è: «Di cosa vuoi godere?».

La domanda rilevante è: «Quale dolore vuoi sopportare?».

La strada verso la felicità è piena di mucchi di m#rd@ e vergogna.

Devi scegliere qualcosa.

Non puoi avere una vita indolore.

La persona che sei si definisce in base a quello per cui sei disposto a lottare.

Non è l’ennesimo ammonimento del tipo “senza fatica non si ottiene nulla”.

È solo la componente più semplice e basilare della vita:

i nostri sforzi determinano il nostro successo.

I nostri problemi generano la nostra felicità, insieme ad altri problemi un pò migliori e un pò potenziati.

Se pensi che a un certo punto potrai smettere di arrampicarti, temo che ti sia sfuggito il senso del discorso.

Perché la gioia consiste proprio in quello.”

– Mark Manson, La sottile arte di fare quello che c***o ti pare –

La persona che sei si definisce in base a quello per cui sei disposto a lottare.
Se pensi che a un certo punto potrai smettere di arrampicarti, temo che ti sia sfuggito il senso del discorso.
Perché la gioia consiste proprio in quello.
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

L’attesa come predisposizione a cogliere il Sé

“Ciò che cerchiamo (il Sé) è infinito , come possiamo dunque attrarlo?[…]È indispensabile assumere un atteggiamento di sospensione, ossia di attesa senza un evento da attendere…” Salvatore Brizzi – Come la pioggia prima di cadere. Confido che per chi sta praticando la propria Strategia e Autorità con Human Design, questa riflessione sia d’ispirazione.L’attesa non è […]

LEGGI TUTTO

Tu puoi cambiare!

“Molte persone stanno stupidamente sprecando l’intera vita marciando contro questo e quello, per questo e per quello; cercano di trasformare il mondo intero e posticipano l’unica trasformazione possibile, che è l’auto-trasformazione. E io ti dico, puoi essere libero in una società non libera, puoi essere beato in un mondo miserabile. Non c’è impedimento dagli altri; […]

LEGGI TUTTO

Conosci e ama la tua unicità

Testo scritto in oro all’entrata del tempio della Dea egizia Sekhmet; tempio di Karnak.

LEGGI TUTTO

Il guerriero della luce

“Ogni guerriero della luce ha avuto paura di affrontare un combattimento. Ogni guerriero della luce ha tradito e mentito in passato. Ogni guerriero della luce ha imboccato un cammino che non era il suo. Ogni guerriero della luce ha sofferto per cose prive di importanza. Ogni guerriero della luce ha pensato di non essere un […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

17/19 Maggio - Padova
Corso di base di Human Design
in presenza e online