La vita dopo la spiritualità

“La vostra luna di miele con la spiritualità… prima o poi finirà.
Con un’imminente delusione.
Ma sarà un addio prematuro, perché il vero amore è possibile solo dopo una simile separazione!

Una delusione nella spiritualità è necessaria per toglierle il suo fascino.

Se ne andrà la maggioranza dei libri, e quelli che resteranno saranno come i vecchi amici: un paio di pagine al mese.
Se ne andrà la maggioranza delle pratiche, e starete molto bene con quelle che rimarranno, come con quei vecchi jeans e maglietta.
E non avrete più la necessità di evitare ciò che credevate non spirituale.
La colpa cederà posto ad una benevola osservazione.

Fare qualcosa con la consapevolezza o meno: questo non sarà un problema.

Sembra che diventiamo più pigri di prima, ma in realtà faremo di più, perché non faremo più lotta contro noi stessi.
L’eterna ricerca cederà il posto ad una vita viva e profonda.
La speranza nel futuro sarà sostituita con l’attenzione a ciò che è adesso.
Non ci sarà più ressa né fretta.
Accetteremo il fatto che anche fare una deviazione dalla Via significa comunque restarci.
La vita dopo la spiritualità è l’inizio di una vera spiritualità; senza i fuochi d’artificio, senza le ovazioni.

Andiamo dalla superficie verso la profondità, e poi rinasciamo profondamente “superficiali”.

La vita dopo la spiritualità è parecchio paradossale.
Il silenzio sarà una risposta ad ogni domanda che sorge.
Il silenzio è una risposta.
Nulla necessita di una spiegazione.

È tutto aperto.

La vita dopo la spiritualità sarà dedicata a ciò che è veramente importante.
Tutto ciò che accade è la vita.
Ogni situazione nasconde una possibilità.
Il maestro è ovunque.
La schiuma mentale se ne va, liberando il corpo, facendo uscire l’anima, scoprendo i sogni, aprendoci a ciò che dobbiamo fare in questo mondo.
La vita dopo la spiritualità è un continuo morire.
Qui abbiamo mille dolori e mille gioie,
che si mescolano in una canzone armoniosa, e noi diventiamo una musica.
Un attimo che include tutti gli attimi”.

Sergej Nikolaevič Bulgakov

La speranza nel futuro sarà sostituita con l'attenzione a ciò che è adesso.
Accetteremo il fatto che anche fare una deviazione dalla Via significa comunque restarci.
Tutto ciò che accade è la vita.
Ogni situazione nasconde una possibilità.
Il maestro è ovunque.
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Impara a cambiare: scegli!

Imparate a tirarvi indietro davanti alle proposte che non vi portano in avanti, invitate il silenzio a fare passeggiate lungomare quando la musica del mondo è solo rumore e distorsione e canta con voce innaturale. Non abbiate paura di rimanere soli, non abbiate paura di diventare sole date il benvenuto a ogni vita siate alba […]

LEGGI TUTTO

Bisogna fare spazio in sé stessi per accogliere il nuovo

Jung nel Libro Rosso scrive: “Prendi le cesoie e pota i tuoi alberi”. È l’anima che lo dice! E continua…. “Con un taglio doloroso sfrondo via ciò che pretendevo di sapere di ciò che mi trascende. Mi taglio via dai lacci astuti dei significati che avevo assegnato a ciò che è fuori di me. E […]

LEGGI TUTTO

Avere ragione o essere felici nel seguire la propria verità?

“Più l’uomo si sforza di dimostrare che il suo amico si sbaglia, più si crea attrito. Crede che dimostrando a se stesso che ha ragione e che l’amico ha torto, l’amico finalmente lo accetterà e lo amerà di nuovo e tutto andrà bene. Quando ciò non accade, lo interpreta male e si sforza di più; […]

LEGGI TUTTO

Un discorso di inizio per mancini

Discorso di Ursula K. Le Guin (vedi qui il suo Disegno) Nel 1983 Ursula K. Le Guin fu invitata al Mills College di Oakland a pronunciare un discorso alla cerimonia di laurea degli studenti. Il discorso, intitolato “A Left-Handed Commencement Address”, fu inserito al no. 82 della lista dei 100 migliori Discorsi del XX secolo di American Rhetoric ed è incluso […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

17/19 Maggio - Padova
Corso di base di Human Design
in presenza e online