La vita in sé è imprevedibile, non è controllabile.

“La società non ha bisogno di individui, ma di efficienza.
Pertanto, più una persona diventa umana, meno diventa utile per la società… e più diventa pericolosa.

L’intero schema della nostra civiltà, e in realtà di tutte le civiltà esistite al mondo, comporta la riduzione dell’essere umano a un automa.
In questo caso è ubbidiente, efficiente, e non è pericoloso.
Altrimenti, una mente inventiva, che indaga, scruta e ricerca ciò che è nuovo, che tenta sempre di dare vita a qualcosa di ignoto, creerà inevitabilmente fastidi.

L’establishment non sarà mai in pace con persone simili tra i piedi!!

Non appena un bambino nasce, la società inizia a ucciderne l’individualità; prima che abbia raggiunto i sette anni, la sua individualità è totalmente annientata.
Solo se casualmente l’establishment non riesce a completare questa operazione con successo, una persona può diventare un individuo, ma è molto raro che accada.

Qualsiasi forma di istituzione sociale è solo un mezzo per uccidere l’individuo e trasformarlo in una macchina.
Tutte le nostre università non sono altro che fabbriche per uccidere la spontaneità, per annientare la scintilla interiore, per distruggere lo spirito e trasformare l’uomo in una macchina; solo in questo caso la società si sente tranquilla nei suoi confronti, può farci affidamento.

Sarà possibile sapere cosa è in grado di fare, cosa farà: diventa prevedibile.
Un marito, una moglie, un dottore, un avvocato, uno scienziato sono prevedibili: sappiamo chi sono e come reagiranno, si può stare tranquilli.
Viceversa, è impossibile essere tranquilli con una persona viva, spontanea, perché non si sa cosa farà: è imprevedibile.

L’imprevedibilità è sempre una fonte di insicurezza.
Nel momento in cui diventi imprevedibile, non sei più controllabile, non puoi più essere manipolato.
Nessuno è a proprio agio con una persona imprevedibile.
Ma solo l’uomo imprevedibile può sentire gioia, può sentire cose che nessun altro potrà mai sentire.

La vita in sé è imprevedibile, non è controllabile.
La vita come tale si incammina sempre, attimo dopo attimo, verso l’ignoto.
È un’apertura sull’ignoto, né più, né meno”.

– Osho –

Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Fidati del tuo processo

Sei unico Non hai scelta Ama te stesso Ama la tua unicità e lasciati guidare verso l’UNO. Tutti infine lì siamo destinati ad arrivare; Essere.

LEGGI TUTTO

Onore agli Eretici

Onore agli eretici: coloro che scelgono. Cosa vuol dire? Eresia viene dal greco “airesis” e vuol dire scelta.Eretico è la persona che sceglie e in questo senso, è colui che più ama la ricerca della verità.E allora io ve lo auguro di cuorequesto coraggio dell’eresia.Vi auguro l’eresia dei fattiprima che delle parole,l’eresia della coerenza nel […]

LEGGI TUTTO

Tu puoi cambiare!

“Molte persone stanno stupidamente sprecando l’intera vita marciando contro questo e quello, per questo e per quello; cercano di trasformare il mondo intero e posticipano l’unica trasformazione possibile, che è l’auto-trasformazione. E io ti dico, puoi essere libero in una società non libera, puoi essere beato in un mondo miserabile. Non c’è impedimento dagli altri; […]

LEGGI TUTTO

Osho a Madre Teresa

Nel dicembre del 1980 Madre Teresa scrive a Osho in replica a un suo commento sul premio Nobel conferito. Ecco la risposta di Osho: Proprio l’altro giorno ho ricevuto una lettera da Madre Teresa. Ciò che ha scritto nella lettera è sincero, ma è privo di senso. Madre Teresa non sa ciò che scrive, perché […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

17/19 Maggio - Padova
Corso di base di Human Design
in presenza e online