Scelta

Un fatto fondamentale di cui ci dobbiamo rendere chiaramente conto è che decidere molto spesso significa scegliere;  deve cioè essere fatta una selezione tra varie possibilità.
Ma scegliere significa preferire; e preferire una cosa, un’azione, una strada, richiede necessariamente che vengono scartate o eliminate le altre, e cioè che si rinunci ad esse.
Cioè è ovvio, o dovrebbe esserlo, e quindi facile da accettarsi. Eppure in pratica provoca una forte resistenza e riluttanza, spesso anche una violenta ribellione.
Le stesse parole rinuncia e sacrificio* suscitano un’intensa avversione. Varie sono le cause all’origine di queste reazioni:
1. L’edonismo, e cioè il desiderio fondamentale per piacere desiderio di evitare la sofferenza, che sono innati nella natura umana.
2. L’enfasi esagerata messa in passato sul dovere sul sacrificio, e l’eccessiva insistenza sul valore della sofferenza, spesso per ragioni sbagliate o inutili.
3. Una concezione errata della libertà, che è stata interpretata come il diritto di seguire ogni impulso e di soddisfare ogni desiderio senza curarsi delle conseguenze per noi stessi e per gli altri, con una completa mancanza di controllo o di senso della responsabilità.
Da tutto questo viene il rifiuto più o meno cosciente di scegliere quando una scelta è chiaramente necessaria.
[…]
Scegliere è preferire e implica dunque rinunciare alle alternative, eliminarle.
È importante anche realizzare che, se vogliamo raggiungere una meta a cui attribuiamo un valore, dobbiamo volere anche i mezzi per raggiungerla, per sgradevole dolorosi che possono essere.

* È interessante e chiarificatore comprendere che invece di significare un doloroso ascetismo autoimposto, la parola sacrificio significa “rendere santo” , “rendere sacro” (sacrum facere).

Roberto Assagioli, L’atto di volontà –

Scegliere è preferire e implica dunque rinunciare alle alternative, eliminarle.
Scegliere significa saper rinunciare a tutto il resto.
Sapere a cosa dire sì (a qualcuno/qualcosa in un dato momento) implica dire no al resto (a qualcuno/qualcosa in un dato momento).
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

La gioiosa essenza

Non sono qui per raggiungere gli obiettivi che mi prefiggo. Sono qui per cedere me stesso alla vita per imparare ad arrendermi ai miei sentimenti di momento in momento e all’inatteso che attende di giungere. Sono qui per sentire La vita che mi attraversa e mi conduce dove non lo so. Sono qui per sbagliare […]

LEGGI TUTTO

Per fare un fiore

Le cose d’ogni giorno raccontano segreti a chi le sa guardare ed ascoltare. Per fare un tavolo ci vuole il legno per fare il legno ci vuole l’albero per fare l’albero ci vuole il seme per fare il seme ci vuole il frutto per fare il frutto ci vuole il fiore ci vuole un fiore, […]

LEGGI TUTTO

Salvarsi dalle proprie paure

Stanca di aspettare che arrivasse un principe a salvarla, la principessa raccolse tutto il suo coraggio, impugnò la spada e andò dritta verso il drago per ucciderlo. “Non ho più paura di te!” gli gridò, anche se dentro di sé tremava. Il drago la guardò negli occhi stupito e le disse: “Non c’è davvero alcun […]

LEGGI TUTTO

L’invito

Non mi interessa cosa fai per vivere, voglio sapere per cosa sospiri, e se rischi il tutto per trovare i sogni del tuo cuore. Non mi interessa quanti anni hai, voglio sapere se ancora vuoi rischiare di sembrare stupido per l’amore, per i sogni, per l’avventura di essere vivo. Non voglio sapere che pianeti minacciano […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

22/25 agosto - in Maremma
LIVING YOUR DESIGN EXPERIENCE
esperienziale residenziale sui 4 Tipi