Scelta

Un fatto fondamentale di cui ci dobbiamo rendere chiaramente conto è che decidere molto spesso significa scegliere;  deve cioè essere fatta una selezione tra varie possibilità.
Ma scegliere significa preferire; e preferire una cosa, un’azione, una strada, richiede necessariamente che vengono scartate o eliminate le altre, e cioè che si rinunci ad esse.
Cioè è ovvio, o dovrebbe esserlo, e quindi facile da accettarsi. Eppure in pratica provoca una forte resistenza e riluttanza, spesso anche una violenta ribellione.
Le stesse parole rinuncia e sacrificio* suscitano un’intensa avversione. Varie sono le cause all’origine di queste reazioni:
1. L’edonismo, e cioè il desiderio fondamentale per piacere desiderio di evitare la sofferenza, che sono innati nella natura umana.
2. L’enfasi esagerata messa in passato sul dovere sul sacrificio, e l’eccessiva insistenza sul valore della sofferenza, spesso per ragioni sbagliate o inutili.
3. Una concezione errata della libertà, che è stata interpretata come il diritto di seguire ogni impulso e di soddisfare ogni desiderio senza curarsi delle conseguenze per noi stessi e per gli altri, con una completa mancanza di controllo o di senso della responsabilità.
Da tutto questo viene il rifiuto più o meno cosciente di scegliere quando una scelta è chiaramente necessaria.
[…]
Scegliere è preferire e implica dunque rinunciare alle alternative, eliminarle.
È importante anche realizzare che, se vogliamo raggiungere una meta a cui attribuiamo un valore, dobbiamo volere anche i mezzi per raggiungerla, per sgradevole dolorosi che possono essere.

* È interessante e chiarificatore comprendere che invece di significare un doloroso ascetismo autoimposto, la parola sacrificio significa “rendere santo” , “rendere sacro” (sacrum facere).

Roberto Assagioli, L’atto di volontà –

Scegliere è preferire e implica dunque rinunciare alle alternative, eliminarle.
Scegliere significa saper rinunciare a tutto il resto.
Sapere a cosa dire sì (a qualcuno/qualcosa in un dato momento) implica dire no al resto (a qualcuno/qualcosa in un dato momento).
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Infuria, infuria, contro il morire della luce

Non andartene docile in quella buona notte Non andartene docile in quella buona notte, I vecchi dovrebbero bruciare e delirare al serrarsi del giorno; Infuria, infuria, contro il morire della luce. Benché i saggi conoscano alla fine che la tenebra è giusta Perché dalle loro parole non diramarono fulmini Non se ne vanno docili in quella buona […]

LEGGI TUTTO

Lo stato di sospensione che conduce alla verità

TRACCIA AUDIO IN FONDO ALL’ARTICOLO  La coscienza di esserci è attiva ossia dovete ricordarvene consapevolmente altrimenti non c’è. […] Si deve spegnere la ricerca stessa, in quanto il soggetto non può auto-cercarsi, ma solo ricordarsi di esserci. DIMORARE nella sua sensazione di essere cosciente, così che l’auto-coscienza possa risplendere non più offuscata dalla volizione, dal […]

LEGGI TUTTO

Essere Adulto

Essere Adulto “Adulto è colui che ha preso in carico il bambino che è stato, ne è diventato il padre e la madre. Adulto è colui che ha curato le ferite della propria infanzia, riaprendole per vedere se ci sono cancrene in atto, guardandole in faccia, non nascondendo il bambino ferito che è stato, ma […]

LEGGI TUTTO

La nostra paura più profonda

La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati. La nostra paura più profonda è di essere potenti oltre ogni limite. È la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più. Ci domandiamo: chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso? In realtà chi sei tu per NON esserlo? Siamo […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.