La terrificante silente bellezza del Vuoto

STO GIRO NIENTE VOCALE: “MISTERIOSE SAGGE FORZE” MI IMPONGONO UN SANO RIGENERANTE  SILENZIO.

A me la difficoltà a comunicare… a voi il seguente pippone da smazzarvi.
A entrambi, tanti Auguri!

Salve a tutti,
dall’11 al 16 gennaio il Sole sprofonda nell’Esagramma 61: la Porta del Mistero; Verità Interiore.

Vi ricordate degli ultimi transiti?
Abbiamo visto che dopo l’Amore incondizionato… o no (Porta 10, Natale) – lungo il Mandala del Rave (Ruota della Vita per Human Design) – arrivano in sequenza tre grandi spinte vitali a condizionarci (Tre Porte del Centro della Radice nel Quarto dello Spirito): la Gioia PER la Vita… o no (Porta 58), la Lotta PER un Proposito… o no ( Porta 38), l’ambizione PER la Trasformazione in materia e spirito… o no (Porta 54).
Tutte e tre queste “propulsioni vitali” sono pressioni a ricontattare e alimentare il nostro Spirito nella Forma: il senso profondo di questa esperienza di vita che è  volta all’auto-consapevolezza di Sé/SÉ (attraverso il nostro autentico contributo).
Tutto questo accade ciclicamente per spingerci a preparaci al Nuovo Ciclo; il Nuovo Anno che per Human Design non accade sempre dopo la mezzanotte del 31 dicembre ma quando il Sole entra nell’Esagramma 41 (il codone iniziatore dell’esperienza umana) che in genere accade il 22 gennaio a orari variabili di anno in anno.

In pratica dal sorgere della Luce contatta a Natale (Sol Invictus) inizia una rampa di lancio che ci proietta al Nuovo Ciclo.
Esperita quella frequenza siamo – ciclicamente e potenzialmente – pronti per ritrovare la Luce, Essere la Luce, Essere Consapevoli di CHI SIAMO… o no.

Tuttavia prima di arrivare all’Esagramma 41 e iniziare un Nuovo Ciclo… ci sono altre 2 Porte di Pressione da attraversare per prepararci al Nuovo: la Porta 61 (Mistero) e la 60 (Accettazione).

Gioia, Lotta, Ambizione… per arrivare dove? …MISTERO.

Quando il Sole arriva alla Porta 61 si cambia frequenza. Non siamo più nel Centro della Radice (pressione vitale). Siamo nel Centro della Testa (pressione mentale). La propulsione vitale in un crescendo ad un certo punto fa uno “swich”. Nel salire mettiamo il piede in un gradino che possiamo percepire “diverso”.
Un pò come il razzo che porta in orbita lo space shuttle. Un razzo fatto di stadi che ad un certo punto, finita la poderosa fase di propulsione iniziale, si scompone e prosegue ad un altro livello sfruttando altre forze fisiche.
In questi giorni siamo sempre in una fase propulsiva di viaggio verso il Nuovo Ciclo… ma qualcosa cambia.
Abbiamo superato una certa soglia (la forza di gravità terrestre) e ci stiamo addentrando nello Spazio: il MISTERO.

Tutta quella spinta iniziale per arrivare qui: il MISTERO.
Qui iniziano le domande.
Domande che portano a voler svelare, comprendere, conoscere il MISTERO.
Qui una domanda si impone sovrana su Tutto: CHI SONO IO?
Qui una sensazione permea incombente il Tutto: il VUOTO.
Qui una dimensione aleggia imperiosa su Tutto e a Tutto risponde: il SILENZIO.

IL MISTERO SI SVELA NEL VUOTO DEL SILENZIO.

IL NOSTRO SÈ – LA NOSTRA PIÙ PROFONDA ESSENZIALE VERITÀ – SI RIVELA A NOI NEL VUOTO DEL SILENZIO.

Solo nella più abissale Oscurità di questo nostro silente vuoto… possiamo riconoscere la nostra Luce.

Solo nella misteriosa indagine introspettiva della nostra Verità Interiore, nella introspettiva indagine della nostra misteriosa Interna Verità… sta “la consapevolezza dei principi universali fondamentali”.

“La consapevolezza dei principi universali fondamentali” sta nella nostra misteriosa verità.
Una Verità che come il Silenzio, come il Vuoto, come il Mistero (ciò che non sappiamo)… ci fa paura!

Paura di essere io, solo io. (ferita primaria del rifiuto, abbandono)

Sganciato dalle mie Radici, dalle mie credenze, dalle mie illusioni, dalle mie aspettative, dalle mie false convinzioni e speranze, dalle mie presunte certezze… alla deriva solitaria nel vuoto assoluto di uno spazio siderale… comunque sia… IO SONO ANCORA IO.
E la risposta a Tutto… sono sempre IO.
Perché Tutto ciò che esiste esiste in funzione di me, della mia natura, la mia essenza: la COSCIENZA.

L’Osservato non esiste senza l’Osservatore.
Tutto è in funzione di me.
È per questo che è così estremamente fondamentale chiedermi: CHI SONO IO?
Tutta la (“mia”) Vita è in funzione di questo.
La domanda porta alla risposta. La domanda È la risposta. 
E se fosse questo il Grande – paradossale – Mistero?

Questo siamo chiamati a chiederci in questi giorni.
Dove i transiti in particolare (anticipando quelli dell’Anno Rave 2023 che andremo ad analizzare insieme) ci portano a riconoscere CHI SIAMO nel confronto con i nostri bisogni.

Per avvicinarmi a CHI SONO… sono chiamato a chiedermi: DI COSA HO BISOGNO ADESSO?
DI COSA HO VERAMENTE – VERAMENTE – VERAMENTE BISOGNO ADESSO?
Badate bene che siamo nel Quarto dello Spirito. Sicché nulla di ciò di cui abbiamo veramente bisogno è qualcosa di materiale.
È innanzitutto qualcosa che ha a che vedere col nostro Spirito. Non il COSA ma il COME.
Non ci può essere nulla di “valore” se non è radicato in un chiaro sentito proposito di Spirito.

– COSA SENTO POTENZIANTE e SANO ACCOGLIERE NELLA MIA VITA?   A COSA SENTO ESSENZIALE DI DIRE SÌ?
– COSA SENTO POTENZIANTE e SANO RIFIUTARE NELLA MIA VITA?   A COSA SENTO ESSENZIALE DI DIRE NO?
– CHI/COSA SENTO IL PIACERE DI SUPPORTARE?
– DA CHI/COSA SENTO LA NECESSITÀ, IL PIACERE DI ESSERE SUPPORTATO?

– A COSA SONO ATTACCATO? MI STA POTENZIANDO QUESTO ATTACCAMENTO?
– ADESSO… MI POTENZIA PIÙ TENERE/TRATTENERE?

– ADESSO… MI POTENZIA PIÙ LASCIARE?
–  TENGO o LASCIO?
– QUAL È IL MIO PROPOSITO?

Da chiedermi in funzione di: relazioni, lavoro, luoghi, alimentazione, vestiti, oggetti, investimenti, casa, macchina…
paure, giudizi, identificazioni, insicurezze, idee, pensieri, ricordi, convinzioni, credenze, aspettative, bisogni, desideri…

Senza vittimismi, lamentele, sensi di colpa, giudizi e buonismi. Senza fretta. Senza pressioni.
Il Programma Evolutivo ci invita a stare ritirati nell’ascolto di quello che sentiamo emergere da dentro di noi, con quello che emerge dalle profonde silenti oscurità del nostro Sé.
In ascolto dei nostri bisogni.
Così come in ascolto delle nostre paure, delle nostre ferite, delle nostre fragilità.
Di tutto ciò che si spaventa. Di tutto ciò che alimenta le nostre insicurezze.
Di tutto ciò che ci rende umani. Di tutto ciò che ci rende mortali.
Di tutto ciò che ci fa credere che siamo soli.

Concediamoci di lasciarci andare nel Vuoto. Il Nostro Vuoto. 
Dove Tutto è Silenzio.
Soli
Da solo.
Solo nel Tutto.
Solo COL Tutto.

In quell’oscuro abisso quando siamo convinti che ormai è tutto finito… qualcosa comincia a brillare.
È di quel “luccichio”, di quella sensazione… che abbiamo veramente – veramente – veramente – bisogno.
BISOGNO DI ME!

CHI SONO IO?…

Buona silente esplorazione del tuo mistero.

Individualmente Insieme.

(ATTENZIONE: facili momenti di malinconia e pressanti introspettive inquietanti domande esistenziali in corso!)


 

Ps.1 Per me è sempre di commuovente Bellezza poter riconoscere un senso in ciò che accade.
Mi conforta e mi sostiene sapere che c’è un senso profondo che orchestra Tutto.
Sono profondamente grato a Human Design per permettermi di accedere anche solo ad un piccolo luminoso spiraglio di questo Grande Mistero.
Il potenziale di conoscere Tutto… mantenendo sempre e comunque inalterato il Mistero.
Grazie anche a Te che leggi, che inconsapevolmente mi dai occasione per scrivere, condividere, ascoltarmi e conoscermi meglio. GRAZIE.
GRAZIE DI CUORE

Ps.2 l’immagine in copertina è tratta dal film Gravity  (un film del 2013 diretto da Alfonso Cuarón) che ho sincronicamente rivisto di recente e mi ha aiutato a percepire il senso di vuoto, di mistero, di bellezza, di paura, di fiducia… di vita, di morte. Di vita nella morte. Di morte nella vita. Di rinascita consapevole. Se avete occasione, proprio sotto questi transiti, vi suggerisco di vedervi questo film.

Del film mi piace riportare, in particolare, la frase che dice la protagonista Ryan Stone (Sandra Bullok – Riflettrice)
“La colpa non sarà di nessuno! Comunque vada, è stato un grande Viaggio!”

È così. Buon proseguimento…

 

La consapevolezza dei principi universali fondamentali.

- Porta 61, la Verità Interiore; I Ching del Rave -
Solo nella più abissale Oscurità di questo nostro silente vuoto... possiamo riconoscere la nostra Luce.
Just Now 12.1.23
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Ristrutturare nel dettaglio

Salve a tutti, dal 12 alle primissime ore del 19 luglio il Sole soggiorna nell’esagramma 62: la Porta dei dettagli; la preponderanza del piccolo. Seguendo il ‘flusso narrativo’ che il Programma Evolutivo ci racconta – con il susseguirsi degli esagrammi lungo il Mandala del Rave (Ruota della Vita secondo Human Design) – e attraverso cui […]

LEGGI TUTTO

La confusione che partorisce chiarezza. O no.

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO Salve a tutti, dal 4 al 9 settembre il Sole ci confonde nell’esagramma 64: la Porta della Confusione; Prima del Completamento. Considerando gli ultimi transiti che parlavano di volontà e solitudine (vedi transiti precedenti) è facile che, nel voler ottenere qualcosa ma non essere completamente indipendenti e nello stare […]

LEGGI TUTTO

La primaVera della mente

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO  🔊 Salve a tutti, dal 18 al 24 marzo il Sole ci ama e ci accoglie dall’esagramma 25: la Porta dello Spirito del Sé; Innocenza. Con il precedente transito del Sole nella Porta 36 che ci ha proposto il tema della crisi, dell’attrito, del dolore (vedi transito precedente) abbiamo […]

LEGGI TUTTO

Transiti di consapevole direzione nella forma… o no

Salve a tutti,dal 3 al 9 maggio il Sole è nell’Esagramma 2: La Porta della Conoscenza Superiore; il Ricettivo; il Conducente.Con questo Esagramma di Ricettiva Direzione Mutativa inizia il 2° Quarto: il Quarto della Civilizzazione/Forma.Qui, tutto ciò che è stato razionalizzato, progettato, formulato, verificato, in pratica che ha “iniziato” la Mente (1° Quarto) viene ad […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

22/25 agosto - in Maremma
LIVING YOUR DESIGN EXPERIENCE
esperienziale residenziale sui 4 Tipi