Prendersela “sul personale”. O no.

“I latini dissero persona (da Per-Sonàr, risuonare attraverso) la maschera di legno portata sempre sulla scena dagli attori nei teatri dell’antica Grecia e d’Italia, nella quale i tratti del viso erano esagerati, perché meglio potessero essere rilevati dagli spettatori e la bocca era fatta in modo da rafforzare il suono della voce: cosa resa necessaria dall’ordinaria vastità degli antichi teatri. Questo vocabolo venne poi applicato ad esprimere l’individuo rappresentato sulla scena che ora chiamiamo Personaggio; poi (nel qual senso persevera tuttora) un uomo qualsiasi, e successivamente la sua corporatura o il complesso delle sue qualità”.

– dizionario etimologico –


Ebbene, in tempi di provocazione, quando ci facciamo agganciare dalle parole, azioni, comportamenti dell’altro e reagiamo “prendendocela sul personale“…
chi se la sta davvero “prendendo”?
Chi, in me, si fa provocare e reagisce alla provocazione?

Io, la mia Essenza?
O la “mia” maschera, le “mie” identificazioni?
Il mio Sé? O chi credo di essere (non sé)?

Alla luce di ciò, quello che mi provoca ha una funzione evolutiva PER me.
Invece che essere un limite si rivela essere una preziosa opportunità.
La provocazione serve a darmi la possibilità – quando me la concedo – di riconoscere quando sono presente, o no.
Il lavoro da fare è non reagire all’esterno ma affinare l’ascolto interno.
Non mi lascio rapire e manipolare dalle emozioni ma le osservo; e nell’osservare le emozioni che si e-muovono in me, posso scoprire e riconoscere un’altra parte di me: quella vera che si cela dietro la maschera.

Il COME rispondo alle provocazioni mi aiuta a smascherarmi e Ricordarmi Chi Sono.

Niente è contro di me.
Tutto è PER me.
Quando percepisco che qualcosa è "contro" è solo perché non sono in armonia con me stesso (sono separato in una lotta interna).
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Comincia a nutrire la tua anima… com passione

Se qualcuno ti vuole ferire, guarda il dolore che nasconde. Se qualcuno ti vuole mentire, guarda il vuoto che conserva. Se qualcuno ti vuole tradire, osserva la solitudine che porta. Se qualcuno si prende gioco di te, osserva i traumi che racchiude. Se qualcuno ti disprezza, guarda quanto è grande la sua miseria. Se qualcuno […]

LEGGI TUTTO

Cinque fasi dell’elaborazione di un lutto

Elaborazione sulla base degli studi ed esperienze di Elisabeth Kübler-Ross, psichiatra svizzera considerata la fondatrice della psicotanatologia (sostegno psicologico davanti alla morte, sia per i pazienti terminali che per i loro parenti), ed uno dei più noti esponenti dei death studies. Chiave del suo lavoro è la ricerca del modo corretto di affrontare la sofferenza […]

LEGGI TUTTO

La metafora di una fotografia premiata

La metafora di una fotografia premiata Questa è una foto scattata direttamente sopra alcuni cammelli nel deserto dell’Arabia Saudita durante il tramonto. È stata considerata una delle migliori foto dell’anno da National Geographic. Guarda bene, i cammelli sono le piccole linee bianche nell’immagine. Il nero che vedi sono solo ombre.  di George Steinmetz E la […]

LEGGI TUTTO

PRIMA IO

PRIMA IO L’attuale transito (Sole nella Porta 45) ci ricorda che la manifestazione nella materia è radicata nell’egoismo. PRIMA IO Dobbiamo sfatare l’assoluta negatività che è stata attribuita all’egoismo e riconoscere la fondamentale importanza del sano egoismo come unico modo per supportare i propri bisogni e – di conseguenza – i bisogni dell’altro. PRIMA IO […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

22/25 agosto - in Maremma
LIVING YOUR DESIGN EXPERIENCE
esperienziale residenziale sui 4 Tipi