Siamo qui, perché non c’è alcun rifugio dove nasconderci da noi stessi

Siamo qui
perché non c’è alcun rifugio
dove nasconderci da noi stessi.

Fino a quando
una persona non confronta se stessa
negli occhi e nei cuori degli altri, scappa.
Fino a quando non permette loro di condividere i suoi segreti,
non ha scampo da essi.

Timorosa di essere conosciuta,
non può conoscere se stessa
né gli altri: sarà sola.

Dove altro se non nei nostri punti comuni
possiamo trovare un tale specchio?

Qui, insieme, una persona può, alla fine,
manifestarsi chiaramente a se stessa,
non come il gigante dei suoi sogni
né il nano delle sue paure,
ma come un uomo parte di un tutto
con il suo contributo da offrire.

In questo terreno noi possiamo mettere radici
e crescere, non più soli, come nella morte,
ma vivi a noi stessi e agli altri.

 

 


 

Siamo qui, perché non c’è alcun rifugio dove nasconderci da noi stessi.

Fino a quando un uomo non confronta se stesso nei cuori e negli occhi degli altri, scappa.

Fino a che non permette loro di condividere i suoi segreti, non ha scampo da questi.

Timoroso di essere conosciuto, né può conoscere se stesso, né gli altri e sarà solo.

Dove, se non nei nostri punti comuni, possiamo trovare un tale specchio?

Qui, insieme, una persona alla fine può manifestarsi chiaramente a se stesso non come il gigante dei suoi sogni, né come il nano delle sue paure, ma come un uomo parte di un tutto con il suo contributo da offrire.

Su questo terreno, noi tutti possiamo mettere radici e crescere non più soli come nella morte, ma vivi a noi stessi e agli altri.

Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Gurdjieff e la guerra

A seguire un testo proposto da Salvatore Brizzi tratto da Frammenti di un insegnamento sconosciuto di P.D. Ouspensky. Le risposte sono di G.I. Gurdjieff. «C’era una domanda intorno alla guerra: “Come impedire le guerre?” Non si possono impedire le guerre. La guerra è il risultato della schiavitù nella quale gli uomini vivono. Ad essere esatti, […]

LEGGI TUTTO

Cinque fasi dell’elaborazione di un lutto

Elaborazione sulla base degli studi ed esperienze di Elisabeth Kübler-Ross, psichiatra svizzera considerata la fondatrice della psicotanatologia (sostegno psicologico davanti alla morte, sia per i pazienti terminali che per i loro parenti), ed uno dei più noti esponenti dei death studies. Chiave del suo lavoro è la ricerca del modo corretto di affrontare la sofferenza […]

LEGGI TUTTO

La malattia come equilibrio, la bellezza come cura

Leggendo Hillman si ha l’impressione che egli tratti la malattia come un rituale che ha lo scopo di ristabilire l’ordine universale, l’ordine primevo, riparando al danno generato dalle idee. Gli dei sono diventati malattie, ci insegna Hillman. Nella cultura del potere l’uomo rifiuta di riconoscere le forze naturali. Il re di Tebe nella Baccanti, nega […]

LEGGI TUTTO

La storia dei tre spaccapietre

Durante il suo lungo cammino per raggiungere un lontano santuario, un pellegrino si imbatté in un’enorme cava dove alcuni uomini stavano scolpendo dei grossi blocchi di pietra. Gli uomini erano tutti sudati, pieni di polvere e visibilmente affaticati. Il pellegrino si avvicinò al primo uomo che batteva con fatica il martello sulla pietra e gli […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.