Un discorso di inizio per mancini

Discorso di Ursula K. Le Guin (vedi qui il suo Disegno)

Nel 1983 Ursula K. Le Guin fu invitata al Mills College di Oakland a pronunciare un discorso alla cerimonia di laurea degli studenti. Il discorso, intitolato “A Left-Handed Commencement Address”, fu inserito al no. 82 della lista dei 100 migliori Discorsi del XX secolo di American Rhetoric ed è incluso nella sua raccolta di saggi Danzando al confine del mondo.

«Voglio ringraziare la classe dell’83 del Mills College per avermi offerto una rara possibilità: parlare ad alta voce in pubblico nella lingua delle donne.

So che ci sono uomini che si laureano, e non intendo escluderli, tutt’altro. C’è una tragedia greca in cui il greco dice allo straniero: “Se non capisci il greco, per favore, segnalalo annuendo”. In ogni caso, le lauree vengono solitamente gestite in base al tacito accordo secondo cui tutti i laureati sono maschi o dovrebbero esserlo. Ecco perché indossiamo tutti questi abiti del XII secolo che stanno così bene agli uomini e fanno sembrare le donne un fungo o una cicogna incinta. La tradizione intellettuale è maschile. Il parlare in pubblico viene fatto nella lingua pubblica, nella lingua nazionale o tribale; e la lingua della nostra tribù è la lingua degli uomini. Naturalmente le donne lo imparano. Non siamo stupidi. Se riesci a distinguere Margaret Thatcher da Ronald Reagan, o Indira Gandhi dal generale Somoza, da qualsiasi cosa dicano, dimmi come. Questo è un mondo di uomini, quindi parla la lingua di un uomo. Le parole sono tutte parole di potere. Hai fatto molta strada, tesoro, ma nessuna strada è abbastanza lunga. Non puoi arrivarci nemmeno svendendoti: perché c’è il loro, non il tuo.

Forse abbiamo avuto abbastanza parole di potere e parliamo della battaglia della vita. Forse abbiamo bisogno di alcune parole di debolezza. Invece di dire ora che spero che uscirete tutti da questa torre d’avorio del college nel mondo reale e forgiare una carriera trionfante o almeno aiutare vostro marito a mantenere forte il nostro paese e ad avere successo in tutto – invece di parlare di potere, e se parlassi come una donna proprio qui in pubblico? Non sembrerà giusto. Sembrerà terribile. E se dicessi innanzitutto quello che spero per te: se, solo se, vuoi dei figli, spero che tu li abbia. Non orde di loro. Un paio, basta. Spero che siano belli. Spero che tu e loro abbiate abbastanza da mangiare, un posto dove stare al caldo e pulito, amici e il lavoro che vi piace fare. Beh, è per questo che sei andato al college? È tutto? E il successo?

Il successo è il fallimento di qualcun altro. Il successo è il sogno americano che possiamo continuare a sognare perché la maggior parte delle persone nella maggior parte dei luoghi, compresi trenta milioni di noi, vivono completamente svegli nella terribile realtà della povertà. No, non ti auguro il successo. Non voglio nemmeno parlarne. Voglio parlare del fallimento.

Poiché siete esseri umani, andrete incontro al fallimento. Incontrerai delusione, ingiustizia, tradimento e perdita irreparabile. Scoprirai di essere debole laddove ti credevi forte. Lavorerai per i beni e poi scoprirai che loro ti possiedono. Ti ritroverai, come so che già, in luoghi bui, sola e spaventata.

Ciò che spero per te, per tutte le mie sorelle e figlie, fratelli e figli, è che tu possa vivere lì, nel luogo oscuro. Vivere nel luogo che la nostra cultura razionalizzatrice del successo nega, definendolo luogo di esilio, inabitabile, straniero.

Bene, siamo già stranieri. Le donne in quanto donne sono in gran parte escluse, estranee alle norme maschili autoproclamate di questa società, dove gli esseri umani sono chiamati Uomo, l’unico dio rispettabile è maschio, l’unica direzione è l’alto. Quindi quello è il loro paese; esploriamo il nostro. Non sto parlando di sesso; è un universo completamente diverso, dove ogni uomo e ogni donna è solo. Sto parlando della società, il cosiddetto mondo maschile fatto di competizione istituzionalizzata, aggressività, violenza, autorità e potere. Se vogliamo vivere come donne, un certo separatismo ci viene imposto: il Mills College è una saggia incarnazione di quel separatismo. Il mondo dei giochi di guerra non è stato creato da noi o per noi; non possiamo nemmeno respirare l’aria lì senza maschere. E se indossi la maschera avrai difficoltà a toglierla. Allora che ne dici di continuare a fare le cose a modo nostro, come in una certa misura hai fatto qui a Mills? Non per gli uomini e per la gerarchia del potere maschile: questo è il loro gioco. E nemmeno contro gli uomini: questo significa continuare a giocare secondo le loro regole. Ma con tutti gli uomini che sono con noi: questo è il nostro gioco. Perché una donna libera con un’istruzione universitaria dovrebbe combattere Machoman o servirlo? Perché dovrebbe vivere la sua vita alle sue condizioni?

Machoman ha paura dei nostri termini, che non sono tutti razionali, positivi, competitivi, ecc. E per questo ci ha insegnato a disprezzarli e negarli. Nella nostra società, le donne hanno vissuto, e sono state disprezzate per aver vissuto, tutto il lato della vita che comprende e si assume la responsabilità dell’impotenza, della debolezza e della malattia, dell’irrazionale e dell’irreparabile, di tutto ciò che è oscuro, passivo, incontrollato, animale, impuro: la valle dell’ombra, l’abisso, l’abisso della vita. Tutto ciò che il Guerriero nega e rifiuta è lasciato a noi e agli uomini che lo condividono con noi e quindi, come noi, non possono giocare al dottore, solo all’infermiera, non possono essere guerrieri, solo civili, non possono essere capi, solo indiani. Ebbene, questo è il nostro paese. Il lato notturno del nostro Paese. Se esiste un lato diurno, alte sierre, praterie di erba chiara, ne conosciamo solo i racconti dei pionieri, non ci siamo ancora arrivati. Non ci arriveremo mai imitando Machoman. Ci arriveremo solo andando per la nostra strada, vivendo lì, vivendo tutta la notte nel nostro paese.

Quindi quello che spero per voi è che viviate lì non come prigioniere, vergognandovi di essere donne, prigioniere consenzienti di un sistema sociale psicopatico, ma come native. Che sarai a casa lì, manterrai una casa lì, sarai l’amante di te stessa, con una stanza tutta tua. Che farai il tuo lavoro lì, qualunque cosa tu sia brava a fare, arte o scienza o tecnologia o dirigere un’azienda o spazzare sotto i letti, e quando ti dicono che è un lavoro di seconda classe perché lo fa una donna, spero tu dica loro di andare all’inferno e intanto ti daranno la stessa paga per lo stesso tempo. Spero che tu viva senza il bisogno di dominare e senza il bisogno di essere dominata. Spero che non siate mai vittime, ma spero che non abbiate potere sulle altre persone. E quando fallirai, e sarai sconfitta, e nel dolore, e nell’oscurità, allora spero che ti ricorderai che l’oscurità è il tuo paese, dove vivi, dove non si combattono guerre e non si vincono guerre, ma dove è il futuro. Le nostre radici sono nell’oscurità; la terra è il nostro paese. Perché abbiamo cercato la benedizione in alto invece che in giro e in basso? La speranza che abbiamo sta lì. Non nel cielo pieno di occhi-spia e armi orbitanti, ma nella terra che abbiamo guardato dall’alto in basso. Non dall’alto, ma dal basso. Non nella luce che acceca, ma nel buio che nutre, dove gli esseri umani fanno crescere le anime umane.

Nota: questo discorso non è protetto da copyright e può essere citato o ristampato integralmente senza ottenere il permesso, anche se apprezzerei essere informato delle ristampe.

Il mio caloroso e cordiale ringraziamento va a tutti coloro che mi hanno scritto per dirmi che stanno utilizzando questo discorso nelle aule, condividendolo sui social media, o in altro modo, e per ringraziarmi per questo. Vorrei poter rispondere a ciascuno di voi, ma posso farlo solo in questo modo. Grazie!»

– Ursula –
nota senza data

Questo discorso di Ursula K. Le Guin, lo dedico a Laura e a tutte le donne del mondo.
Nella consapevolezza che è il femminile che guida ed integra (e non il femminismo che depista e separa/paragona).
Per una prospera integra armonia tra femminile e maschile, ombra e luce: dentro e fuori di noi.

– Alberto Sturiale –

Forse abbiamo avuto abbastanza parole di potere e parliamo della battaglia della vita.
Forse abbiamo bisogno di alcune parole di debolezza.
Spero che tu viva senza il bisogno di dominare e senza il bisogno di essere dominata.
E quando fallirai, e sarai sconfitta, e nel dolore, e nell'oscurità, allora spero che ti ricorderai che l'oscurità è il tuo paese, dove vivi, dove non si combattono guerre e non si vincono guerre, ma dove è il futuro . Le nostre radici sono nell'oscurità; la terra è il nostro paese.
La speranza che abbiamo sta lì. Non nel cielo pieno di occhi-spia e armi orbitanti, ma nella terra che abbiamo guardato dall'alto in basso.

Testo originale.

A Left-Handed Commencement Address

speech by Ursula K. Le Guin
delivered at Mills College, 1983

«I want to thank the Mills College Class of ’83 for offering me a rare chance: to speak aloud in public in the language of women.

I know there are men graduating, and I don’t mean to exclude them, far from it. There is a Greek tragedy where the Greek says to the foreigner, “If you don’t understand Greek, please signify by nodding.” Anyhow, commencements are usually operated under the unspoken agreement that everybody graduating is either male or ought to be. That’s why we are all wearing these twelfth-century dresses that look so great on men and make women look either like a mushroom or a pregnant stork. Intellectual tradition is male. Public speaking is done in the public tongue, the national or tribal language; and the language of our tribe is the men’s language. Of course women learn it. We’re not dumb. If you can tell Margaret Thatcher from Ronald Reagan, or Indira Gandhi from General Somoza, by anything they say, tell me how. This is a man’s world, so it talks a man’s language. The words are all words of power. You’ve come a long way, baby, but no way is long enough. You can’t even get there by selling yourself out: because there is theirs, not yours.

Maybe we’ve had enough words of power and talk about the battle of life. Maybe we need some words of weakness. Instead of saying now that I hope you will all go forth from this ivory tower of college into the Real World and forge a triumphant career or at least help your husband to and keep our country strong and be a success in everything – instead of talking about power, what if I talked like a woman right here in public? It won’t sound right. It’s going to sound terrible. What if I said what I hope for you is first, if — only if — you want kids, I hope you have them. Not hordes of them. A couple, enough. I hope they’re beautiful. I hope you and they have enough to eat, and a place to be warm and clean in, and friends, and work you like doing. Well, is that what you went to college for? Is that all? What about success?

Success is somebody else’s failure. Success is the American Dream we can keep dreaming because most people in most places, including thirty million of ourselves, live wide awake in the terrible reality of poverty. No, I do not wish you success. I don’t even want to talk about it. I want to talk about failure.

Because you are human beings you are going to meet failure. You are going to meet disappointment, injustice, betrayal, and irreparable loss. You will find you’re weak where you thought yourself strong. You’ll work for possessions and then find they possess you. You will find yourself — as I know you already have — in dark places, alone, and afraid.

What I hope for you, for all my sisters and daughters, brothers and sons, is that you will be able to live there, in the dark place. To live in the place that our rationalizing culture of success denies, calling it a place of exile, uninhabitable, foreign.

Well, we’re already foreigners. Women as women are largely excluded from, alien to, the self-declared male norms of this society, where human beings are called Man, the only respectable god is male, the only direction is up. So that’s their country; let’s explore our own. I’m not talking about sex; that’s a whole other universe, where every man and woman is on their own. I’m talking about society, the so-called man’s world of institutionalized competition, aggression, violence, authority, and power. If we want to live as women, some separatism is forced upon us: Mills College is a wise embodiment of that separatism. The war-games world wasn’t made by us or for us; we can’t even breathe the air there without masks. And if you put the mask on you’ll have a hard time getting it off. So how about going on doing things our own way, as to some extent you did here at Mills? Not for men and the male power hierarchy — that’s their game. Not against men, either — that’s still playing by their rules. But with any men who are with us: that’s our game. Why should a free woman with a college education either fight Machoman or serve him? Why should she live her life on his terms?

Machoman is afraid of our terms, which are not all rational, positive, competitive, etc. And so he has taught us to despise and deny them. In our society, women have lived, and have been despised for living, the whole side of life that includes and takes responsibility for helplessness, weakness, and illness, for the irrational and the irreparable, for all that is obscure, passive, uncontrolled, animal, unclean — the valley of the shadow, the deep, the depths of life. All that the Warrior denies and refuses is left to us and the men who share it with us and therefore, like us, can’t play doctor, only nurse, can’t be warriors, only civilians, can’t be chiefs, only indians. Well so that is our country. The night side of our country. If there is a day side to it, high sierras, prairies of bright grass, we only know pioneers’ tales about it, we haven’t got there yet. We’re never going to get there by imitating Machoman. We are only going to get there by going our own way, by living there, by living through the night in our own country.

So what I hope for you is that you live there not as prisoners, ashamed of being women, consenting captives of a psychopathic social system, but as natives. That you will be at home there, keep house there, be your own mistress, with a room of your own. That you will do your work there, whatever you’re good at, art or science or tech or running a company or sweeping under the beds, and when they tell you that it’s second-class work because a woman is doing it, I hope you tell them to go to hell and while they’re going to give you equal pay for equal time. I hope you live without the need to dominate, and without the need to be dominated. I hope you are never victims, but I hope you have no power over other people. And when you fail, and are defeated, and in pain, and in the dark, then I hope you will remember that darkness is your country, where you live, where no wars are fought and no wars are won, but where the future is. Our roots are in the dark; the earth is our country. Why did we look up for blessing — instead of around, and down? What hope we have lies there. Not in the sky full of orbiting spy-eyes and weaponry, but in the earth we have looked down upon. Not from above, but from below. Not in the light that blinds, but in the dark that nourishes, where human beings grow human souls.


Notice: this talk is not under copyright, and may be quoted or reprinted as a whole without obtaining permission, though I would appreciate being notified of reprintings.

My warm and cordial thanks to all who have written me to tell me they are using this talk in classrooms, sharing it on social media, or otherwise, and to thank me for it. I wish I could write each of you back, but I can only do it this way. Thank you!»

— Ursula
undated note

Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Lo scopo della lettura

“Ho letto moltissimi libri, ma ho dimenticato la maggior parte di essi. Ma allora qual è lo scopo della lettura?” domandò un allievo al suo Maestro. Il Maestro non gli rispose e gli disse di avere sete e chiese al ragazzo di prendergli dell’acqua usando un vecchio setaccio tutto sporco che era lì in terra. […]

LEGGI TUTTO

Il passato è utile ma non è essenziale

Brani tratti dal libro Il Potere di Adesso di Eckart Tolle. Domande a cui segue una sua risposta. Che cos’è il potere di Adesso? Niente nient’altro che la potenza della vostra presenza, la vostra consapevolezza liberata dalle forme di pensiero. Per cui dovete affrontare il passato a livello del presente. Più attenzione rivolgete al passato, […]

LEGGI TUTTO

Prendersela “sul personale”. O no.

“I latini dissero persona (da Per-Sonàr, risuonare attraverso) la maschera di legno portata sempre sulla scena dagli attori nei teatri dell’antica Grecia e d’Italia, nella quale i tratti del viso erano esagerati, perché meglio potessero essere rilevati dagli spettatori e la bocca era fatta in modo da rafforzare il suono della voce: cosa resa necessaria […]

LEGGI TUTTO

Scelta

Un fatto fondamentale di cui ci dobbiamo rendere chiaramente conto è che decidere molto spesso significa scegliere;  deve cioè essere fatta una selezione tra varie possibilità. Ma scegliere significa preferire; e preferire una cosa, un’azione, una strada, richiede necessariamente che vengono scartate o eliminate le altre, e cioè che si rinunci ad esse. Cioè è […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

Non perderti il corso di base online di Human Design
27/28 APRILE e 18/19 MAGGIO 
qui tutte le informazioni