Bisogno di nuove risposte o di vere risposte?

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO

Salve a tutti,
dal 12 al 17 agosto il Sole ci risponde dall‘Esagramma 4: la Porta della Formulazione; la Follia Giovanile.

Questo transito ci parla, in generale, dell’uso della logica e del nostro bisogno di logica per vivere.
Il particolare la necessità di avere risposte che possano appagare e/o alleviare i nostri bisogni o presunti tali.
Risposte sotto forma di modelli, spiegazioni, formule, rivoluzioni.

Nello scorso transito che ci invitava alla ricerca del giusto ruolo nelle relazioni in grado di garantirci un futuro sicuro (vedi transito precedente) è facile, se non inevitabile, cercare risposte logiche. L’essere umano da sempre cerca risposte ai suoi dubbi e soluzioni (possibilmente immediate) ai suoi bisogni.
In particolare quello che cerca l’essere umano è la soluzione definitiva a tutti i suoi bisogni, l’acquisizione di una formula magica in grado di risolvere sempre ed in modo facile e impeccabile qualsiasi problema.
Siamo sempre costantemente in ricerca di risposte. Risposte possibilmente definitive.
Come se la Vita ce le potesse offrire, proprio Lei che di definitivo e di sicuro – nella sua saggezza – non offre nulla se non la certezza dell’esperienza nell’Adesso.
Eppure nel tempo, e ancora oggi, cerchiamo risposte ovunque: dalla Pietra Filosofale al Santo Graal, dalla Fonte dell’Eterna Giovinezza all’Eldorado, dall’Elisir di lunga vita a Exalibur, dallo Stargate alla pillola rossa, dalla grandiosa vincita al superenalotto alla possibilità di trasferire la nostra anima in un corpo clonato, dall’investimento in bitcoin al succhia succhia che mai si consuma (quello di Willy Wonka!).
Storicamente la risposta a tutto la si è trovata in Dio così come, sempre di più oggigiorno, la stiamo trovando nella Scienza.
Più banalmente nel quotidiano la risposta/e solitamente la/e cerchiamo nelle nostre relazioni.
In tutte le nostre relazioni che, per natura, nascono per appagare i nostri bisogni, per placare le aspettative dei nostri sogni.
Quello che cerchiamo nelle nostre relazioni è sicurezza, affidabilità, comprensione, accettazione.
Ciò che ci hanno dato i nostri genitori quando siamo nati in questo “terrificante mondo”.
Quello che in definitiva continuiamo a cercare è una soluzione alle nostre paure, ansie e preoccupazioni.
Ciò che ci mette alla ricerca è il disperato tentativo di vincere la morte, la solitudine, il vuoto, la sofferenza.
Sta proprio in queste paure il motore propulsivo che innesca le nostre ricerche, il bisogno di risposte.
È opportuno averlo ben chiaro.
Ci aiuta a comprendere che quella che chiamiamo evoluzione umana, al di là del suo fascino, non è altro che un perenne tentativo di fuggire l’inevitabilità della morte.
A meno che, qualcosa non accada in noi per comprendere che non c’è nulla da fuggire e che quello che stiamo continuamente cercando ce l’abbiamo proprio sotto il naso in qualsiasi momento. Ed è proprio il momento stesso: il presente, l’Adesso.

Ad ogni modo, finché siamo incarnati nel corpo e non raggiungiamo un certo grado di consapevolezza, nel collettivo in cui viviamo, la progettazione del futuro rimane e rimarrà prioritaria nella dettagliata strutturazione della nostra quotidianità.
Così come rimarrà a lungo dominante la paura, specie la paura primaria della morte.
Tuttavia, SE abbiamo compreso quanto sopra enunciato… nell’intimo rapporto tra paura e consapevolezza, ci rimane comunque, se non il sollievo, almeno la comprensione di sapere che finché c’è la paura c’è anche la possibilità di approdare alla consapevolezza. E, magari, prima o poi… ci arriveremo un pò tutti.

Al di là di certe riflessioni, la logica e la ricerca di logica rimane finora essenziale per la vita collettiva.
Se non ci fossero delle logiche comuni e la ricerca di tali logiche per garantirci un futuro sicuro… non ci sarebbe possibilità di comunicazione e quindi di relazione.

La logica serve per comprendere e comprendere serve per accogliere e consapevolizzarci; ma bisogna anche comprendere che non ci possiamo completamente fidare (affidare) della logica. Meno che meno delle risposte logiche che ci vengono dalla nostra mente identificata.
Dev’essere chiaro che la logica (della mente) si fonda sulla paura. La logica razionale umana nasce per NON SENTIRE la paura, per EVITARE la sofferenza, per SEPARARCI il più possibile dalla morte.
Sicché è la paura che, di fondo, guida la logica.

Il che non è negativo perché è grazie alla “logica della paura” che troviamo risposte alla nostra sopravvivenza MA – se non è in gioco effettivamente la nostra sopravvivenza fisica (come accade il 99% delle volte in una società civilizzata come la nostra) – non è il caso di farci guidare da paure (specie appunto perché non sono reali ovvero non rispondono a reali pericoli).
La logica è logica ma, per quanto utile, non è detto che corrisponda alla verità.
La logica risponde ad un pericolo ma non è detto che quel pericolo sia reale.
La logica rappresenta solo un potenziale non necessariamente una soluzione o un fatto.
Per questo non possiamo fidarci della logica e la dobbiamo sempre filtrare alla luce della nostra verità.
Ormai sempre di più comincia ad essere chiaro come una certa logica giornalistica e televisiva, la logica massmediatica che plasma la logica di massa, nonché di certi ambienti scientifici, medici, economici e politici sembrano fornire risposte pratiche e concrete che appaiono come soluzioni pratiche ai problemi quando in realtà – ammesso e non concesso che i problemi enunciati esistano davvero – di fatto, non li risolvono, li evitano, li nascondono se non addirittura li creano (e li nascondono).
Stanno maturando i tempi in cui siamo sempre più invitati ad aprire gli occhi e affidarci solo alla nostra logica interna, la bio-logica (logica della vita) del nostro bioveicolo con la sua, la nostra verità: i nostri sensi al servizio della nostra consapevolezza.
Non possiamo più affidarci alle logiche esterne e non possiamo più permetterci di cercare le logiche all’esterno.
Anche nelle nostre relazioni che altrimenti rischiano di diventare delle compensazioni e delle dipendenze.
Non possiamo cercare che altri appaghino i nostri bisogni senza che noi, per primi, ce ne assumiamo la responsabilità.
Partendo dalla responsabilità di quello che pensiamo ovvero di quello che proviamo e dei valori in cui crediamo.
Tema sempre più delicato quello dei valori tradizionali visto che stanno scomparendo sempre di più, così come stanno scomparendo i punti di riferimento che prima – attraverso quei valori e principi ben codificati nel tempo – ci aiutavano ad orientarci e trovare le risposte giuste ma ora… rimangono solo dubbi, incertezze e destabilizzazioni alla ricerca di nuovi punti di riferimento che è troppo facile e seducente – quanto letale – cercare fuori di noi.
Non possiamo fidarci delle risposte logiche che ci vengono date dall’esterno (anche quelle provenienti dal nostro passato) e in cui la mente tende ad identificarsi e farsi a sua volta portavoce di logiche che non sono nostre. E che magari sono le stesse logiche che dovrebbero aiutarci mentre finiscono col danneggiarci. In certe risposte più che la logica possiamo trovare solo follia (se crediamo a quella logica).

Non a caso, la capacità di dare una risposta logica a tutto nell’ I ching è chiamata Follia Giovanile.
Esattamente perché la logica della nostra mente razionale tende a quell’arroganza tipica dell’adolescente che ad un certo punto crede di sapere tutto nonostante gli manchi ancora l’esperienza. Crede a quello non tanto che considera logico ma che gli viene fatto credere che sia logico e finisce col crederci e diffondere quella logica – come se fosse sua – per potersi rassicurare che quello che pensa sia vero. Per sentirsi “normale” tra gli altri e non giudicato.
Perché a logica… se tutti pensano che quella cosa sia vera… lo dev’essere per forza. Questa è la logica.
Questa è la grande “falla” del sistema logico. Non è assolutamente detto che sia vero!
Ne abbiamo visto di recente gli effetti eclatanti e devastanti di seguire una logica indotta.
Eppure continuiamo ad essere programmati da logiche esterne e farci programmare da logiche esterne.
Tutto questo per bisogno di sicurezza, bisogno di normalità, bisogno di essere accolti, protetti, curati… amati.
Ma tutto questo lo cerchiamo fuori.
Ed è lì il problema. Che cerchiamo sempre fuori le risposte, le soluzioni ai nostri bisogni.
È per questo, la ricerca continua e continua da millenni.
Perché stiamo sbagliando il focus.
In questo senso l’unica risposta che ci serve è una totale rivoluzione delle nostre credenze, delle nostre presunte logiche a cui ci siamo affidati sinora. Serve una rivoluzione interna, interiore, di consapevolezza per mutare il ruolo di potere che noi stessi abbiamo conferito alla mente. Ci servono nuove esperienze per maturare simili consapevolezze.
Ed è proprio questo che ci sta proponendo la Vita.
Se ne sappiamo cogliere i messaggi in risonanza alla nostra anima e non continuiamo a cercare soluzioni esterne che si alimentano di approvazioni mentali.

Le uniche risposte concrete da seguire sono proprio quelle maturate dalla nostra esperienza.
Da quello che sentiamo e siamo in grado di percepire come vero per noi. Nel confronto con la nostra individuale verità.
Non in base a delle credenze, non come automatismo, non come convenienza… ma perché siamo in contatto con la nostra Autorità e abbiamo imparato a fidarci di Lei.
E le esperienze più proficue e incisive sono quelle che emergono attraverso le nostre relazioni. Specie quelle più intime.
Siamo animali sociali e tutto ciò di cui abbiamo bisogno viene dalle nostre relazioni.
Che altro non sono che uno specchio, un portale per la relazione con noi stessi.
Il confronto con l’altro che ci porta a confrontarci con noi stessi.
Il confronto con il nostro Non sé che ci porta a confrontarci col nostro Sé.
Lì, dentro di noi, in relazione con noi stessi, col nostro Sé (e quindi col Tutto) ci sono tutte le risposte che cerchiamo, in risonanza con quello che c’è.

In questi giorni osserva come la tua mente cerca continuamente risposte; risposte fuori di te.
Osserva come cerchi risposte ai tuoi bisogni nelle relazioni.
Osserva come la tua mente cerca spiegazioni e trova giustificazioni a tutto pur di non uscire dalle sue zone di comfort, dalle sue credenze.

Buon lavoro su di sé… e buon risposte (quelle vere che sorgono da dentro e portano a nuove domande).

Individualmente Insieme.

 

QUI SOTTO ANCHE IL VIDEO DELLA RISPOSTA DEFINITIVA AL SENSO DELLA VITA! ✨👇🏼✨

L'energia per ingannare e avere successo nonostante l'ignoranza. Libertà dalla punizione.
- Porta 4, I Ching del Rave -
Just Now 12.8.23
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Grazia o disgrazia

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO  🔊 Salve a tutti, dal 7 al 12 marzo il Sole ci potenzia con la grazia (o no) dall’esagramma 22: la Porta dell’Apertura; la Grazia. Dopo i dubbi dell’esagramma 63 (vedi transito precedente) arriva l’esagramma 22 che ci parla di Apertura (sociale) e Grazia. Pare che il Programma Evolutivo […]

LEGGI TUTTO

TRANSITI DI RINNOVATA STRUTTURAZIONE DELLA VERITÀ

Salve a tutti.Sotto l’influsso di questi transiti che strutturano spiegazioni mi piace iniziare ricordando che salve non è un saluto equivalente ad un semplice ‘ciao’ ma un augurio di stare bene, in buona salute (per altro saluto derivato proprio da ‘salutare’.) Un augurio che sento più che mai appropriato in questo periodo. Non solo per […]

LEGGI TUTTO

Alza gli occhi… dentro di Te.

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO  Salve a tutti, dal pomeriggio del 16 alle prime ore del 22 aprile il Sole muta nell’Esagramma 3: la Porta dell’Ordine; Difficoltà Iniziale. Come abbiamo visto nei transiti precedenti con il Sole nella Porta 42, la conclusione di un ciclo esperienziale è un momento molto delicato atto a maturare […]

LEGGI TUTTO

Ristrutturazione delle opinioni: nuove visioni

Salve a tutti, dal 24 al 30 marzo il Sole transita nell’esagramma 17: la Porta delle Opinioni; il Seguire. Sono giorni in cui il Programma evolutivo ci spinge a farci delle opinioni, a formulare degli schemi logici che possa rispondere al pressante bisogno di risposte, sicurezze verso un futuro che appare sempre più incerto (per […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

22/25 agosto - in Maremma
LIVING YOUR DESIGN EXPERIENCE
esperienziale residenziale sui 4 Tipi