Rinasci e procedi nell’amore

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO 🔊

Salve a tutti,
dal 20 al 25 dicembre il Sole procede il suo corso nelle più buie oscurità dell’anno per trionfare Invictus il giorno di Natale nell’esagramma 10: la Porta del Comportamento del Sé, l’impronta/l’orma… il procedere. L’Amore di Sé.

Questo transito è stato preceduto dall’esagramma 11 (vedi transito precedente) che con la sua frequenza di pace ha illuminato la strada al trionfo del sole mostrandoci la via di tale trionfo. Una via di pace… di pace interiore. Una pace che si attua solo attraverso l’integrazione delle diversità: interne e (poi) esterne. Una pace che raggiunge la sua luce attraverso il buio e – riCORdiamocelo – per divenire Vera Pace è necessaria la consapevolezza di tale transizione nel buio/nell’oscurità, riconoscendone il senso, il ruolo ed il valore (in funzione della Luce).
Una pace che rimane solo una bella idea nella mente finché non viene manifestata nella chiarezza della propria consapevolezza emozionale.
La pace delle emozioni, del proprio stato d’animo. L’umana capacità di gestire le emozioni al servizio della nostra consapevolezza invece che farci gestire dalle emozioni rimanendo nell’inconsapevolezza. Questa è La Pace.
Una Pace che garantisce il piacere attraverso il riconoscimento e l’integrazione del dolore; attraverso il riconoscimento e l’integrazione della propria verità.
Una Pace che è Amore. Amore innanzitutto a sé stessi nella propria totale integrità: in ogni nostra parte sia luminosa che oscura.
Come ci ricorda l’esagramma 15, la Porta degli Estremi, la polare della Porta 10 nel Mandala del Rave… l’amore si attua attraverso il riconoscimento degli estremi (i nostri estremi): sia in luce che in ombra. Nell’integrità di luce e ombra.
Ecco! Il ciclico messaggio del transito che chiamiamo Natale – ribadito e rafforzato dalla Nuova Era – è che se proprio ci dev’essere una vittoria questa può nascere solo nell’integrità. 

Il messaggio del Natale (dal latino natālis, dal verbo nāsci nascere) è quello di Rinascere nell’Amore a sé stessi, nella propria Integrità (conciliazione di opposti, di diversità).
Concetto per altro simboleggiato nell’essenza del presepe: l’incontro tra uomo/donna, adulto e bambino; animale, umano e divino; ricchezza e povertà, abbondanza e miseria, saggezza e ignoranza, amore e odio (se vogliamo considerare la strage degli innocenti di Erode).

Questa è l’informazione, l’imprinting che ci viene ricordato ciclicamente per mutare, per evolvere… per proseguire al Risveglio.
Un Risveglio che di base è totale accettazione di quello che siamo, che c’è. Un Risveglio che per quanto sia individuale ha il potenziale di contribuire a risvegliare anche gli altri attorno a noi. L’Amore (come la paura) è qualcosa che si diffonde attraverso il proprio comportamento/modo di essere.
Qualcosa di incredibilmente potente, il potere più grande che di per sé è semplicissimo, l’aspetto più naturale da vivere ma che nella pratica diventa complicatissimo e difficilissimo da attuare.

Perché? Perché qualcosa di così naturale e meraviglioso come l’Amore è così difficile da vivere?

L’Amore diventa complicato, difficile e praticamente impossibile da vivere nel momento in cui in questo flusso naturale al proprio Sé, interferisce la mente identificata (Non sé) che ci induce a dover cambiare per amore.
Il Non sé fin dalla nascita e nelle primissime fasi dell’infanzia ci induce a credere di dover essere altro da quello che siamo per essere amati.
E questo inganno procede crescendo convincendoci che per accedere all’amore dobbiamo essere o fare qualcosa di particolare. In pratica ci dobbiamo sforzare. Il grande inganno risiede proprio qui,

nell’instillare la convinzione che l’amore è sforzo: lo sforzo di essere diversi, dover essere altro.
Invece è esattamente il contrario. L’Amore non è, non può essere, sforzo. L’Amore è l’esatto opposto: è resa, arresa, fluire, semplicità… se proprio… naturale “impegno” ad essere quello che si è esattamente come l’impegno che può esercitare un gatto ad essere/fare il gatto. La cosa più naturale che c’è.
Il Risveglio è accettazione/accoglienza di sé. Impegno ad essere se stessi, vivere la propria unicità.
Riportando le parole di Ra Uru Hu: “Risvegliarsi non è un impegno a divenire qualcosa, è un impegno ad essere se stessi”.
L’amore a noi stessi è l’amore per ciò che siamo, esattamente così come siamo nell’adesso.
Un messaggio che mi piace ribadire con la frase: “Conosci e ama la tua Unicità”.

Questa è l’essenza del messaggio degli attuali transiti così come l’essenza del messaggio di Human Design che è, a mio avviso, lo stesso del messaggio Cristico. “Conosci e ama la tua Unicità”.

Questo messaggio è rafforzato dai transiti:
di Plutone nella Porta 60 in linea 3 che ci chiama a mantenere la nostra identità/unicità nonostante le limitazioni;
di Nettuno nella Porta 36 in linea 3 che ci sprona a rimanere noi stessi nel confronto con i cambiamenti e le possibili crisi che i cambiamenti portano;
di Saturno nella Porta 55 in linea 3 che ci invita a proseguire con abbondanza di spirito nonostante i possibili fallimenti;
e aggiungiamo anche Urano nella Porta 23 in linea 1 che ci invita a mutare la nostra visione nell’accettazione della diversità in una nuova integrata visione di quello che è “bene” e di quello che è “male”.
Questi pianeti lenti ci spronano a fare esperienza di amore a noi stessi, a sperimentare l’essenza della vita in una rinnovata – si spera – più consapevole visione e pratica di cos’è realmente l’Amore. Un Amore che è Integrità. Ovvero il confronto totale con la propria Verità.

Attenzione perché in questi tempi dove l’Amore è visto come uno sforzo, un doversi sacrificare, annullare nell’altro… l’integrità può essere confusa con il dover accettare qualsiasi cosa specie se diversa, alternativa, strana. Niente di più falso. L’essere integri, il sapere amare che si fondano sul sapere accettare/accogliere non significa farsi andare bene chiunque e qualsiasi cosa o doversi sacrificare per gli altri.
Essere integri e amarsi significa riconoscere e rispettare la prop

ria unicità; come dice l’esagramma 10…. “indipendentemente dalle circostanze”.
Nel momento in cui sei te stesso non puoi andare contro nessuno ma solo contribuire a fare in modo che anche l’altro possa concedersi di essere quello che è.
L’Amore non è sforzo, non è paura e non è giudizio. Ma è pur vero che l’Amore non è semplice assenza/eliminazione di sforzo, di paura e di giudizio bensì integrazione di sforzo, paura e giudizio. Questo è il senso profondo dell’Amore: Unione. Unione consapevole.

Buona preparazione al Natale e al suo profondo significato di Rinascita del Sé.
Buona esperienza di autentico amore nel rinnovato impegno ad Essere quello che sei (“indipendentemente dalle circostanze”).

Individualmente Insieme.

 

 

Il codice di comportamento sottostante che garantisce un'interazione di successo indipendentemente dalle circostanze.
- Porta 10, I Ching del Rave -
Just Now 20.12.23
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Transiti di rinnovato autentico Amore di Sé

Salve a Tutti, dal 20 al 25 dicembre il Sole (Invictus) brilla nell’Esagramma 10: la Porta del Comportamento del Sé; l’Impronta/Orma. Il Programma Planetario ci condiziona ciclicamente – tra le belle luci del Natale – a (ri)conoscere la nostra Luce: chi siamo con un forte potenziamento all’integrità; in particolare ad essere consapevoli della nostra integrità, […]

LEGGI TUTTO
Tag: ,

Avvicinarci alla (nostra) verità

Salve a tutti, ricordando che il saluto salve con cui solitamente inizio l’analisi dei transiti in corso è un augurio di salute (a corpo, mente, spirito). Sicché, all’ingresso del nuovo anno rave 2022, auguri di salute, prosperità e benessere per tutto questo nuovo ciclo. Dal 27 gennaio alle prime ore del 2 febbraio il Sole transita […]

LEGGI TUTTO

TRANSITI DI CAMBIO QUARTO: 1° QUARTO DELLA MENTE/INIZIAZIONE

COME SCONFIGGERE LA BANALITÀ DEL MALE INIZIANDO LA MENTE AD UNA PIÙ AMPIA SENTITA VISIONE INTRODUZIONE Sull’onda degli ultimi miei post “Per non dimenticare” in merito agli orrori dell’Olocausto e delle ingiustizie storiche, vi invito a questo video introduttivo proposto “Impariamo a pensare” ispirato alla filosofa ebrea Hanna Arendt https://www.facebook.com/AmbrosiaLibriFantascienza/videos/408121237140010/ “Voglio sperare che pensare possa […]

LEGGI TUTTO

A Te: il tuo ruolo, la tua mossa

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO Salve a tutti, dal 6 all’11 agosto il Sole ci guida dall’Esagramma 7: la Porta del Ruolo del Sé; L’Esercito. Con quest’esagramma si apre il Quarto della Dualità che dai primi di agosto ai primi di novembre porta nel “campo” la tematica delle relazioni. Qui il proposito si attua […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.