Fëdor Michajlovič Dostoevskij

Fëdor Michajlovič Dostoevskij (11 novembre 1821 – 9 febbraio 1881 ), talvolta traslitterato come Dostoevskij , è stato un romanziere, scrittore di racconti, saggista e giornalista russo. Le opere letterarie di Dostoevskij esplorano la psicologia umana nelle travagliate atmosfere politiche, sociali e spirituali della Russia del XIX secolo e si confrontano con una varietà di temi filosofici e religiosi. I suoi romanzi più acclamati includono Crime and Punishment (1866), The Idiot (1869), Demons (1872) e The Brothers Karamazov(1880). Il corpus di opere di Dostoevskij è composto da 12 romanzi, quattro novelle, 16 racconti e numerose altre opere. Molti critici letterari lo considerano uno dei più grandi romanzieri di tutta la letteratura mondiale , poiché molte delle sue opere sono considerate capolavori di grande influenza. 
La sua novella del 1864 Notes from Underground è considerata una delle prime opere della letteratura esistenzialista .

Nato a Mosca nel 1821, Dostoevskij è stato introdotto alla letteratura in tenera età attraverso fiabe e leggende , e attraverso libri di autori russi e stranieri. Sua madre morì nel 1837 quando aveva 15 anni e, nello stesso periodo, lasciò la scuola per entrare all’Istituto di ingegneria militare Nikolayev . Dopo la laurea, ha lavorato come ingegnere e per breve tempo ha goduto di uno stile di vita sontuoso, traducendo libri per guadagnare denaro extra. A metà degli anni Quaranta scrisse il suo primo romanzo, Poor Folk , che gli valse l’ingresso nei circoli letterari di San Pietroburgo . Arrestato nel 1849 per appartenenza a un gruppo letterario che discuteva libri vietati critici della Russia zarista, fu condannato a morte ma la sentenza fu commutata all’ultimo momento . Ha trascorso quattro anni in un campo di prigionia siberiano , seguiti da sei anni di servizio militare obbligatorio in esilio. Negli anni successivi, Dostoevskij ha lavorato come giornalista, pubblicando e curando diverse riviste e in seguito A Writer’s Diary , una raccolta dei suoi scritti. Ha iniziato a viaggiare per l’Europa occidentale e ha sviluppato una dipendenza dal gioco d’azzardo , che ha portato a difficoltà finanziarie. Per un po’ dovette elemosinare denaro, ma alla fine divenne uno degli scrittori russi più letti e apprezzati.

Dostoevskij fu influenzato da un’ampia varietà di filosofi e autori tra cui Pushkin , Gogol , Agostino , Shakespeare , Scott , Dickens , Balzac , Lermontov , Hugo , Poe , Platone , Cervantes , Herzen , Kant , Belinsky , Byron , Hegel , Schiller , Solovyov , Bakunin , Sand , Hoffmann eMickiewicz .

I suoi scritti furono ampiamente letti sia all’interno che all’esterno della sua nativa Russia e influenzarono un numero altrettanto grande di scrittori successivi tra cui russi come Aleksandr Solzhenitsyn e Anton Cechov , i filosofi Friedrich Nietzsche e Jean-Paul Sartre e l’emergere dell’esistenzialismo e del freudismo.
I suoi libri sono stati tradotti in più di 170 lingue e sono serviti come base per molti film.


Fëdor Michajlovič Dostoevskij

Riflettore 6/2
Croce di Incarnazione di angolo sinistro della sfida
Un disegno di chi riflette – con sorpresa e delusione – le sfide delle incertezze e dei legami del suo tempo attraverso la direttiva lente della sua selettiva integrità in cerca di risposte.

Ama tutto come te stesso.
Io sono solo, e loro invece sono tutti.
La sofferenza, questa è l'unica causa della consapevolezza.
Prima di predicare altrui, date voi stessi l'esempio. Sarete seguiti.
Hanno pianto un po', poi si sono abituati.
A tutto si abitua quel vigliacco che è l'uomo.
Dicono che chi è sazio non può capire chi è affamato; io aggiungo che un affamato non capisce un altro affamato.
Forse io mi credo un uomo intelligente proprio e solo per questa ragione, che in tutta la vita non m'è mai riuscito di portare a termine nulla.
L'uomo ha una tale passione per il sistema e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità per non vedere il vedibile, a non udire l'udibile pur di legittimare la propria logica.
Vi giuro, signori, che aver coscienza di troppe cose è una malattia, una vera e propria malattia. [...]
Infatti, il diretto, legittimo, immediato frutto della coscienza è l'inerzia, cioè il cosciente starsene a mani conserte.
La libertà, nella sua più alta espressione consiste nel dare tutto e nel servire gli altri.
L'uomo capace di questo, capace d'essere padrone di sé sino a tal punto, è libero come nessun altro.
È questa la più elevata manifestazione del libero arbitrio.
Ma com'è strano: noi, forse, vediamo Shakespeare, mentre lui fa il vetturino; quest'altro forse è Raffaello, mentre fa il fabbro; questo è un attore, ma coltiva la terra. Possibile che solo un piccolo vertice di uomini giunga a dar prova di sé, mentre gli altri debbono perire [...].
[...] perché non ci comportiamo tutti come fratelli? Perché anche l'uomo migliore è come se nascondesse sempre qualcosa all'altro e gli tacesse qualcosa?
Perché non dire subito, direttamente, quel che si ha nel cuore, se sai che non parlerai al vento?
Altrimenti ognuno appare più severo di quanti in effetti sia, come se tutti temessero di offendere i propri sentimenti palesandoli molto velocemente...
Ma l'uomo dove va? Quanto meno, ogni volta si nota in lui un che d'impacciato nel momento in cui raggiunge cosiffatti fini. Il fatto di raggiungerli gli piace, ma averli raggiunti non proprio, e questo, certo, è straordinariamente ridicolo.
...capisci che se mettete in primo piano la ghigliottina e con tanto entusiasmo è semplicemente perché tagliar teste è la cosa più facile, mentre avere un'idea è la più difficile!
Sei una scimmia; annuisci solo per conquistarmi. Taci; non capiresti nulla.
Se non c'è Dio, io sono Dio.
Sebbene nulla potesse ormai meravigliare, la realtà evidente ha sempre in sé qualcosa che scuote.
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Amma

Mātā Amṛtānandamayī, nota come Amma [madre], nata a Alappad Panchayat (Alappad Panchayat, 27 settembre 1953), è una religiosa indiana. è conosciuta in tutto il mondo per il suo amore disinteressato e la sua compassione. La sua vita è interamente dedicata ad aiutare i poveri e ad alleviare il dolore di coloro che si trovano in condizioni di sofferenza fisica ed […]

LEGGI TUTTO

Freddie Mercury

Freddie Mercury, pseudonimo di Farrokh Bulsara (Zanzibar, 5 settembre 1946 – Londra, 24 novembre 1991), è stato un cantautore, musicista e compositore britannico, leader della rock band Queen fondata nel 1970. Ricordato per il talento vocale e la sua esuberante personalità sul palco, è considerato uno dei più celebri e influenti artisti nella storia del […]

LEGGI TUTTO

Ra Uru Hu

Ra Uru Hu – Messaggero/Fondatore di Human Design System Manifestatore Splenico 5/1 – Croce di Anglo Sinistro del Messaggero Montreal, Canada 9 aprile 1948 00:05 – Santa Eulalia, Ibiza, Spagna 22 marzo 2010 6:30 Alan Robert Krakower messaggero/fondatore di Human Design System. Vedi la sua storia e i suoi articoli nello spazio dedicato nel blog… 

LEGGI TUTTO

Sandra Bullock

Sandra Annette Bullock (Arlington, 26 luglio 1964) è un’attrice e produttrice cinematografica statunitense.

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.

17/19 Maggio - Padova
Corso di base di Human Design
in presenza e online