Sì, sì, sì, sìììì!

TRACCIA AUDIO IN FONDO AL TESTO

Salve a tutti,
dal pomeriggio del 17 al primo pomeriggio del 23 agosto il Sole sì afferma nell’esagramma 29: la Porta della Perseveranza; l’Abissale.
Detta anche la Porta del dire di Sì.

Da inizi agosto ci stiamo sempre muovendo all’interno del Quarto della Dualità che parla del proposito realizzato attraverso i legami, le relazioni.
Trovo particolarmente significativo che si inizi questa tematica delle relazioni con la ricerca di un ruolo (Porta 7) per rispondere a dei bisogni (Porta 4) e che la ricerca di risposte ai propri bisogni trovi come risposta un naturale (Porta 29).
Come dire, la risposta che cerchi, che tanto cerchi in tutte le tue relazioni della tua vita è . Sì. Sì. Sì.
Un perseverante, abissale Sì!
Un costante perseverante Sì alla vita; un affermativo propositivo Sì ad essere qui, adesso, in questa vita.

In questo esagramma, e quindi, in particolare nel condizionamento di questi giorni, sta la perseveranza del Sé; la perseveranza nell’impegnare la propria energia in qualcosa o qualcuno che ci porti a nuove scoperte, nuove avventure, nuove esperienze degne di essere vissute e condivise.
Tenendo presente che tutto è transitorio e nulla è per sempre.
La perseveranza è ciclica e quindi soggetta a ciclici cambiamenti e quello a cui ci impegniamo a dire sì oggi può non essere più interessante domani.
Ma quello che davvero conta è l’adesso, ovvero a cosa diciamo sì – ora – in risposta ad un determinato stimolo, invito.
Sapendo che, anche se non sappiamo come va a finire e quando finirà, comunque siamo legati all’esperienza a cui diciamo Sì finché sentiamo che abbiamo energia e proposito per quell’esperienza.
Consci che non possiamo permetterci di giudicare l’esperienza finché la stiamo vivendo ma dobbiamo concluderla per maturarne il senso.
Per questo è necessario dire Sì, un “abissale Sì” ed è fondamentale perseverare nel profondo del profondo del nostro Sì: per poter non solo iniziare l’esperienza ma avere energia sufficiente per viverla fino in fondo e arrivare così a comprenderne il senso e poterlo condividere.
Come recita l’I Ching in merito a questo esagramma: «La persistenza nonostante le difficoltà ha le sue inevitabili ricompense».
La ricompensa della perseveranza, della tenacia del proprio Sì – nonostante le difficoltà e le limitazioni – sta nell’atto di vivere con totalità; di potere andare nel profondo del profondo dell’esperienza e solo così poter fare incredibili scoperte. Dove sempre, le più grandi scoperte riguardano il sapere riconoscere chi siamo (Chi sono io?) e il motivo che mi ha portato a dire Sì a questa Vita. Scoperte che siamo chiamati a viverci nel Sì alle nostre relazioni. O no.

Punto fondamentale è che il mio Sì non sia influenzato da aspettative e convinzioni mentali ma ben ancorato alla Verità della mia Autorità.
Così com’è importante ricordarci che anche ancorati alla nostra verità – nel profondo del profondo del nostro Sé – nel pronunciare e viverci il nostro Sì, questo non è garanzia che tutto fili liscio e sia fantastico come si immagina la mente identificata.
Nel momento in cui ci ascoltiamo e seguiamo la nostra verità nel suo Sì… semplicemente accogliamo l’esperienza per quello che è.
Nella verità del mio Sì sta il divino proposito della mia anima perfettamente integrata nel Progetto Evolutivo del Grande Disegno.
Quello che serve alla mia anima per compiere la sua missione non è minimamente detto che corrisponda alle aspettative della mia mente identificata.
Il piano di gioco dell’anima è ben diverso da quello della mia personalità (chi credo di essere) ed è opportuno non lasciarmi sconfortare se l’esperienza a cui ho detto Sì non mi ha portato ai risultati sperati dalle mie credenze. L’unica cosa che conta è la connessione profonda col mio Sì e la fiducia totale che in quel Sì c’è la mia verità e, in fondo in fondo, anche se lì per lì non ne afferro il senso, alla fine il senso si rivelerà con tutta la sua potenziante scoperta.
Il destino è qui per servire la mia anima, non la mia mente.
Il mio compito è contattare il mio Sì interno e perseverare nella direzione indicata.

In questi giorni è opportuno chiedermi:
– A chi/cosa sto dicendo Sì che mi allinea al mio proposito di vita?
– A chi/cosa sto dicendo Sì che mi allontana dal mio proposito di vita?
– A cosa sto dicendo Sì quando in verità vorrei dire No?

– Persevero nei miei Sì? O inizio cose che poi non finisco?
– I miei Sì nascono dalla mia Autorità o dalla mia mente identificata?
– Dico Sì perché lo sento dentro di me o per noia, abitudine, paura del confronto e del giudizio se dico di “no”?

– Dico Sì ai miei bisogni? Dico sì ai miei sogni?
– Ho un sogno a cui stento a dire di Sì? Mi sento di portarci attenzione ed energia PER concretizzarlo?

Buona esperienza del dire Sì alla Vita. Un Sì abissale, creativo, celebrativo Sì!
Un Sì che nella sua totalità di affermazione all’amore di Sé – in questo piano duale –  può talvolta tradursi anche come un NO!
Poiché ci sono alcune circostanze dove un chiaro determinato No – nel profondo del profondo – è ,un abissale Sì a me stesso.
Il Gioco, la Sfida sta nel connettermi alla mia verità e discernere quando è sì e quando è no.

Come recita una meravigliosa preghiera che non manco di ripetermi ogni sera prima di dormire:

«Signore,
concedimi la forza di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare,
e la saggezza per discernere la differenza tra i due.»

Buone profonde autentiche esperienze.
Individualmente Insieme.

Ps. immancabile il suggerimento di vedere i Yes Man – Una parola può cambiare tutto, un film del 2008 diretto da Peyton Reed con Jim Carrey nel ruolo del protagonista. Un film interessante che ci mostra le sconvolgenti avventure ma soprattutto anche i rischi di un incontrollato impulsivo Sì senza il giusto discernimento.

Il profondo nel profondo. La persistenza nonostante le difficoltà ha le sue inevitabili ricompense.
- Porta 29, I Ching del Rave -
Just Now 18.8.23
Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche:

Libero Spirito in libera Materia

Salve a tutti, dalla sera del 18 alle prime ore del 24 febbraio il Sole entra nell’Esagramma 55: La Porta dello Spirito; Abbondanza. Qui il condizionamento (esperienza) che il Programma Evolutivo ci propone è sapere che l’abbondanza è strettamente una questione di spirito. L’abbondanza che tanto desideriamo non è una questione oggettiva esterna ma soggettiva interna. […]

LEGGI TUTTO

CONSIDER-AZIONI SULL’ ASPETTARE [2° parte]

CHIAVI e CONSIDERAZIONI SOTTO QUESTI STIMOLANTI TRANSITI DI LIMITAZIONI CHE MUTANO LA NOSTRA DIREZIONE DI VITA 2. AIUTATI CHE DIO TI AIUTA – la manifestazione del Divino inizia da Noi. CONSIDER-AZIONI SULL’ ASPETTARE [2° parte] Sotto questi transiti che ci portano a confrontarci con la pressione dei limiti, sento che in tanti nella sperimentazione dell’informazione […]

LEGGI TUTTO

LA SPINTA ALLA TRASFORMAZIONE INDIVIDUALE E SOCIALE È FONDATA SULL’INFLUENZA DELL’EDUCAZIONE

Transiti di mutazione nella preservazione/educazione dei valori.Forze vitali attivate 60/3, 50/27. In particolare Urano nella 27.6. Siamo condizionati dall’ambiziosa spinta alla trasformazione (Esagramma 54) che caratterizza la frequenza tribale che punta alla sovranità (Esagramma 45). Mi dà gioia ricordare che il fondamento (linea 1) dell’Esagramma 54 parla di Influenza: ambizione che cerca influenza.E il fondamento […]

LEGGI TUTTO

La terrificante silente bellezza del Vuoto

STO GIRO NIENTE VOCALE: “MISTERIOSE SAGGE FORZE” MI IMPONGONO UN SANO RIGENERANTE  SILENZIO. A me la difficoltà a comunicare… a voi il seguente pippone da smazzarvi. A entrambi, tanti Auguri! Salve a tutti, dall’11 al 16 gennaio il Sole sprofonda nell’Esagramma 61: la Porta del Mistero; Verità Interiore. Vi ricordate degli ultimi transiti? Abbiamo visto […]

LEGGI TUTTO

Iscriviti alla newsletter

clicca qui e controlla in spam e promozioni.